...


L’Unesco punta sul patrimonio dell’Alto Jonio

Domani la firma dello storico accordo di programma in difesa del patrimonio paesaggistico storico monumentale ed enogastronomico

La Redazione

, giovedì 28 giugno 2012.

Sede dell'Unesco

AMENDOLARA – Patrimonio paesaggistico storico monumentale ed enogastronomico. L’UNESCO, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura, punta sull’alto jonio cosentino. 8 comuni per un unico progetto: un laboratorio sperimentale per la promozione delle eccellenze e delle identitĂ , a 360 gradi. Domani, nella prestigiosa cornice della Torre Spaccata, monumento al confine tra le due cittĂ  di Roseto Capo Spulico ed Amendolara, la firma di un accordo programmatico che può diventare storico e strategico per lo sviluppo sostenibile del territorio. A darne notizia e ad esprimere vivissima soddisfazione per l’importante e preziosa iniziativa è il sindaco di Amendolara, Comune capofila per il progetto che annovera tra gli altri partner, oltre all’UNESCO, anche la Fondazione Volkswagen, l’UniversitĂ  Sorbona di Parigi, il Vaticano, la Regione e l’Unical. “Grazie all’interessamento e all’impegno del Prof. Giuseppe Roma, docente universitario presso l’UNICAL di Rende – dichiara il Sindaco Ciminelli – che questo ambizioso progetto, promosso da un’istituzione importante come l’UNESCO, si è reso possibile”. L’occasione offerta alle 8 comunitĂ  interessate, rappresenta senza dubbio un momento storico per l’intera area dell’alto ionio cosentino. Uno stimolo straordinario a pensare, parlare e progettare all’unisono.” Da Alessandria del Carretto a Canna, da Nocara a Roseto Capo Spulico, da Rocca Imperiale a Montegiordano e Oriolo. Alla firma dell’accordo con l’UNESCO saranno presenti domani gli amministratori delle comunitĂ  interessate.

0 visite 



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *