...


Ammessi finanziamenti Pisl su spopolamento e minoranze linguistiche

Soddisfazione ha espresso il presidente della Provincia Zurlo, l’assessore Lentini ed i sindaci dei 4 comnuni coinvolti

Michele Abate

CROTONE, sabato 04 Agosto 2012.

Zurlo e Lentini

Il Progetto integrato di sviluppo locale (Pisl) “L’Alto crotonese: dalla marginalitĂ  allo sviluppo”, presentato dalla Provincia di Crotone, assieme ai comuni di Carfizzi, Castelsilano San Nicola dell’Alto ed Umbriatico ha superato la prima fase. “Le verifiche di ammissibilitĂ  delle istanze presentate sono state completate dal Nucleo di Valutazione degli Investimenti Pubblici della Regione Calabria nella riunione collegiale del 30 luglio scorso”, si legge in una nota stampa dell’ente intermedio. Soddisfazione è stata espressa dal presidente della Provincia di Crotone, Stano Zurlo, dall’assessore provinciale alla Cultura, Giovanni Lentini e dai sindaci dei quattro comuni interessati Carmine Maio, Pietro Brisinda, Francesco Scarpelli e Pasquale Abenante.

“Vediamo così concretizzarsi –sottolinea il presidente Zurlo nel comunicato- l’impegno di un’attivitĂ  che ha visto il coinvolgimento dell’Ente che presiedo e dei 4 comuni interessati. Le aspettative dei sindaci sono state pienamente rispettate, e la realizzazione delle opere e dei servizi previsti nel Pisl rappresentano –conclude Zurlo- una nuova e concreta opportunitĂ  di sviluppo per l’intero territorio crotonese”. Per i Pisl “Spopolamento” è stata verificata l’ammissibilitĂ  di 5 progetti (uno per ogni territorio provinciale) che coinvolgono in tutto 106 comuni con meno di 1.500 abitanti. Tre, invece, i progetti ammessi per i Pisl ”Minoranze linguistiche”: ”Conservazione e valorizzazione delle radici occitane”, con capofila il Comune di Guardia Piemontese; ‘‘Arcipelago Arberia”, guidato dal comune di Spezzano Albanese ed al quale hanno aderito i tre comuni albanofoni della provincia di Crotone, Carfizzi, Pallagorio e San Nicola dell’Alto e ”I rize tis kultura greka”, con capofila il Comune di Roghudi.

14 visite 



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *