...


Pallavolo, Metal Carpenteria su Viola Volley

Due vittorie in tre giorni per i crotonesi di Mister Asteriti

La Redazione

Crotone, lunedì 15 aprile 2013.

Metal Carpenteria Kr 3-1 Costa Viola Volley
(Parziali set: 25-21, 24-26, 25-15, 25-16)

Metal Carpenteria KR: Vrenna, S. Reale, M. Reale, Previtera, Scida, Pioli, Liviera, Pesce, Pacecca (libero), Ambrosio, Cosentino, Catalano. All.: Drago.

Costa Viola Volley: Bellantoni, Brianti, Fulco, Gallo, Lutri, Mordà, Panzera, Trecoci, Tedesco (libero). All.: Santacaterina.

Arbitri: Condino di Paola e Oriolo di Cassano allo Jonio.
Note: durata set 25’, 30’, 22’, 22’. Tot.: 99 min.

Due vittorie in tre giorni. Non poteva chiedere di più mister Asteriti da questo fine settimana visto che la sua Metal Carpenteria è riuscita a portare a casa sei punti grazie alle vittorie nel recupero di giovedì con Castrovillari (netto 3-0) e di domenica con la Costa Viola Volley di Villa San Giovanni, partita in cui le crotonesi hanno concesso alle avversarie un solo set. Il tecnico pitagorico ha dato ampio spazio alle giovanissime, facendo incamerare loro altri minuti importanti a crescere e fare esperienza. Parte meglio la Metal Carpenteria che nel primo parziale scappa subito via portandosi sul 5-1 ma subisce il ritorno delle ragazze di Villa san Giovanni che raggiungono il pareggio sul 5-5. Nel timeout l’allenatore pitagorico si fa sentire, le sue atlete rispondono positivamente e si avviano spedite verso la conquista del set con il punteggio di 25-21. Anche nel secondo parziale è sempre la squadra di casa a comandare in apertura ma a metà set le crotonesi hanno un calo di tensione che consente alle reggine di tornare in partita; si arriva sul punteggio di 25-15 per la Costa Viola, altro timeout chiamato da mister Asteriti e la squadra rientra in campo trasformata. Inizia una rincorsa che termina sul punteggio di 23-23, a quel punto il primo arbitro chiama un tocco veramente dubbio al muro crotonese e Villa ha la possibilità di chiudere. Dopo aver annullato due set-point la Metal Carpenteria cede sul punteggio di 24-26. Da quel punto in poi c’è una sola squadra in campo.

Nel terzo gioco le pitagoriche alzano il ritmo e per la compagine allenata da Santacaterina la partita si trasforma in un incubo. Pesce e Silvia Reale iniziano a picchiar duro, Miriam Reale sfodera qualche colpo dei suoi e anche Marta Scida dà il suo contributo soprattutto grazie alle battute insidiose e ad un ace importante. Il terzo set si chiude sul 25-15 con ben dieci lunghezze di distanza. Nell’ultimo gioco è sempre la Metal Carpenteria a dominare, Pesce continua su percentuali altissime (alla fine saranno 29 i punti personali realizzati), Pacecca arriva ovunque e alla Costa Viola non resta che arrendersi sul 25-16. Una vittoria importante, anche perché questa era una gara particolarmente sentita per le crotonesi. Sugli scudi sicuramente quelle che ormai possono definirsi due titolari, vale a dire il centrale Carla Previtera (classe 1998) e il libero Mariana Pacecca (classe 1999). La prima ormai non ha più paura di attaccare anche nei momenti caldi della partita e domenica, anche grazie alla regia perfetta di Miriam Reale, è riuscita a mettere giù palloni pesantissimi e a tratti è sembrata davvero incontrastabile. Marianna Pacecca, invece, ormai sembra aver ingaggiato una lotta personale con tutti i palloni che rischiano di cadere nel campo della Metal Carpenteria visto che si è resa protagonista di alcuni recuperi strepitosi che hanno consentito alla squadra di chiudere la partita con la Costa Viola in maniera brillante. “Abbiamo conquistato due belle vittorie in tre giorni – ha detto il tecnico Asteriti a fine gara – Anche oggi abbiamo fatto giocare molte ragazze giovanissime che stanno migliorando sempre di più con il passare del tempo e questo per noi è un motivo di grande soddisfazione”.

8 visite 



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *