...


Chef per un giorno, le ‘crespelle a vento’ della signora Vittoria

La nostra lettrice segue un rito antico per ottenere un risultato perfetto

Rosamaria Tridico

Ciro' Marina, mercoledì 25 Giugno 2014.

crespelle a vento (24) La nostra rubrica ‘Chef per un giorno‘ presenta la ricetta del giorno: ‘crespelle a vento’ della signora Vittoria, la prima lettrice che si è proposta e che ci ha fornito ben tre ricette, i tajjarini e fagioli che abbiamo pubblicato la scorsa settimana, un altro piatto della tradizione che pubblicheremo la settimana prossima e quella di oggi. Le crespelle preparate da Vittoria sembrerebbero semplici una volta finite e pronte da mangiare mentre in realtà necessitano, secondo la tradizione, di passaggi che includono antichi riti scaramantici per la buona riuscita dell’impasto altrimenti durante la frittura la crespella non prende la forma e non c’è più niente da fare. Ora vi daremo l’elenco degli ingredienti e poi passeremo a descrivervi tutto il procedimento che ha seguito la signora Vittoria per ottenere delle perfette crespelle a vento.

Ingredienti
1 lt di acqua
700 gr di farina di grano duro
1 pizzico di sale
mezzo bicchiere di olio di oliva
cannella abbondante a piacere
2 foglie di alloro
olio di semi per friggere
zucchero per la copertura finale

Descrizione della preparazione con rito propiziatorio
Riempire una pentola con il litro di acqua e versare un’abbondante spolverata di cannella. Aggiungere il pizzico di sale seguendo il segno di una croce.Versare il mezzo bicchiere di olio a filo sempre seguendo il segno di una croce e disporre sulla superficie dell’acqua le due foglie di alloro spezzate in quattro parti a forma di croce. Quando l’acqua comincia leggermente a sobollire (non deve bollire) versare molto gradualmente la farina mescolando continuamente con un cucchiaio di legno (la signora Vittoria durante questa fase ripeteva continuamente: “ventu ventu cannedda cannedda”) perchè questa è la fase più difficile e decisiva in quanto l’impasto deve assumere la consistenza giusta altrimenti le frittelle non riescono.

Dopo aver mescolato bene l’impasto trasferirlo su una spianatoia dove si sarà versato un filo d’olio creando il segno di una croce. Togliere i quattro pezzi di alloro. Sbattere l’impasto ripetutamente e con molta forza sulla spianatoia, lavorandolo con le mani fino a quando non risulta sodo, liscio ed elastico al punto giusto altrimenti non si riuscirà a dare la forma alle frittelle e durante la frittura si scioglieranno (disastro!). Staccare un pezzo di impasto alla volta e lavorarlo ancora sulla spianatoia dandogli una forma sottile ed allungata da cui ricavare i girelli che formeranno le crespelle immergendoli un po’ alla volta in una pentola di olio di semi bollente. Dopo un minuto circa (devono rimanere chiare) saranno cotte, quindi con un mestolo forato trasferirle in un vassoio con dei fogli di carta assorbente per asciugarle dall’olio. Tuffarle in una capiente ciotola piena di zucchero e cannella girandole e rigirandole affinchè si ricoprano bene. Gustatele subito mentre sono calde e sprigionano tutto il loro aroma e grazie alla signora Vittoria che ci ha svelato il segreto delle sue irresistibili crespelle.

807 visite 



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *