...


Da ‘Rambo’ a ‘Star wars’, tonnellate di botti pericolosi sequestrati in Calabria

Denunciati quattro soggetti nel cosentino, operazione ‘Natale Sicuro’ della Guardia di Finanza

Comunicato della Guardia di Finanza

cosenza, lunedì 15 dicembre 2014.

Botti illegali“Rambo K 31”,“Panzer”, “E Io Pago”, “Star War”, “Zeus”,“Augusto”, quasi a evocare la loro forza dirompente, sono alcuni dei nomi stravaganti delle circa tre tonnellate di fuochi pirotecnici di IV e V categoria, corrispondenti ad oltre 740 mila pezzi ed a 820 mila bocche di fuoco, sequestrati dai Finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Cosenza in quattro depositi ubicati nei comuni di Cerzeto, Spezzano Albanese, Castiglione Cosentino e Carolei, in provincia di Cosenza nell’ambito dell’operazione “Natale Sicuro”. Per rendere l’idea dell’enorme quantitativo sequestrato dalle Fiamme Gialle cosentine, se i fuochi fossero scoppiati ininterrottamente, uno dopo l’altro, avrebbero illuminato il cielo per circa 4 giorni di continuo.

Dopo diversi giorni di pedinamenti e appostamenti, sono stati individuati quattro locali, nella disponibilitĂ  di altrettanti soggetti,dove era stoccato l’ingentissimo quantitativo di materiale pirotecnico. E’ così scattata una serie di blitz contemporanei che ha permesso di rinvenire, stipate in totale violazione delle norme sulla sicurezza, un totale di quasi tre tonnellate di fuochi d’artificio della tipologia batterie multicolpi, fontane, candele, raudi e bengala di produzione cinese, nonchĂ© “bombe” artigianali usualmente esplose con appositi mortai, per un valore commerciale di quasi un milione di euro. La totalitĂ  dei soggetti sorpresi dal tempestivo intervento dei finanzieri non è stata in grado di esibire alcuna documentazione che giustificasse il possesso dei sopracitati artifizi pirotecnici.I quattro responsabili sono stati segnalati a piede libero alleProcure della Repubblica di Cosenza e Castrovillari. Peraltro, deve evidenziarsi che i depositi di “stoccaggio” si trovano tutti a ridosso di frequentatissimi centri abitati, in assenza di ogni basilare norma di sicurezza e con un elevato rischi per l’incolumitĂ  dei cittadini nel caso di esplosione accidentale.

244 visite 



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *