...


Maxi evasione fiscale da 8mln a Villapiana

Disposto sequestro di beni per un valore di 1,8 mln di euro

Comunicato della Guardia di Finanza

Villapiana, martedì 16 dicembre 2014.

SequestroUna maxi evasione fiscale per oltre otto milioni di euro è stata scoperta dalle Fiamme Gialle di Sibari al termine di una complessa ed articolata attività ispettiva, coordinata dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Cosenza, eseguita nei confronti due società di capitali, entrambe operanti nel settore immobiliare e riconducibili ad uno stesso imprenditore di Villapiana. La consistente evasione fiscale è stata scoperta anche grazie al rinvenimento, nel corso di perquisizioni domiciliari, presso gli uffici e altri locali ad uso delle due società oggetto di verifica, di copiosa documentazione extracontabile e di vari dati informatici contenuti in supporti rimovibili. All’interno di un Hard disk, in particolare, sono state rinvenute informazioni specifiche riferite alla vendita complessiva, di circa 200 unità abitative, realizzate in una località turistico – balneare, effettuata da entrambe le società nell’arco temporale 2005-2012. L’analisi comparata tra le tracce informatiche ed i dati rilevati dalle scritture contabili tenute dalle due società, hanno consentito di ricostruire il loro effettivo volume d’affari, fornendo idonei elementi di prova circa la falsa rappresentazione economica-finanziaria dei fatti di gestione. E’ stata accertata l’esistenza di una gestione parallela della contabilità dell’impresa atta a dissimulare la reale situazione economica della stessa sul fronte dei ricavi, in modo da consentire una minore tassazione fiscale e, quindi, l’ingente l’evasione.

Tale comportamento fraudolento ed altamente antisociale, soprattutto nell’attuale particolare contesto di crisi economica, è stato perpetrato attraverso la predisposizione di un originale Modus Operandi attraverso il quale, l’imprenditore, nell’ambito della vendita delle unitĂ  immobiliari realizzate provvedeva, in una prima fase, a stipulare contratti preliminari riportanti il prezzo dell’immobile effettivamente pattuito e, successivamente, all’atto del rogito notarile indicava, con la complicitĂ  degli acquirenti, un corrispettivo di gran lunga inferiore a quanto inizialmente pattuito. La tecnicistica attivitĂ  ispettiva ha consentito di accertare, in definitiva, l’avvenuta sottrazione a tassazione di Imposte Dirette ed Indirette per oltre otto milioni di euro e, conseguentemente, l’omessa denuncia e versamento di IRES ed IVA per circa 1,8 milioni di euro. Riscontrata, inoltre, l’esistenza di elementi idonei a configurare, tra l’altro, i reati di dichiarazione fraudolenta mediante altri artifici ed omessa dichiarazione a carico dell’amministratore delle due societĂ  indagate, nonchĂ© quello di falsitĂ  ideologica commessa da privato in atto pubblico a carico di 238 acquirenti, in concorso con l’amministratore. Informate, per competenza territoriale, le Procure della Repubblica presso i Tribunali di Castrovillari (CS) e Roma che, accogliendo le richieste dei rispettivi Pubblici Ministeri, avanzate sulla base delle ricostruzioni investigative operate dalle Finanzieri di Sibari, hanno emesso due diversi provvedimenti di sequestro preventivo per equivalente di beni mobili, immobili, denaro ed altre utilitĂ  nella materiale disponibilitĂ  dell’indagato, per un ammontare complessivo di circa 1,8 milioni di euro.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>