...


Salma di Gioacchino Murat, a maggio test dna a Pizzo

Saranno recuperati i resti umani individuati nella cripta sotterranea nella chiesa di San Giorgio

La Redazione

pizzo, martedì 21 aprile 2015.

Gioacchino MuratEntro la fine di maggio saranno recuperati i resti umani individuati nella cripta sotterranea nella chiesa di San Giorgio, Duomo di Pizzo, che si presume appartengano a Gioacchino Murat, il re di Napoli, cognato di Napoleone Bonaparte, che nell’ottobre del 1815 fu catturato, imprigionato e ucciso nella cittadina calabrese dopo esservi sbarcato nel tentativo di riconquistare il suo regno.

Sara’ poi il test del Dna, che verra’ effettuato nei mesi successivi, per confermare o meno se quelle spoglie siano davvero del giovane sovrano. A comunicarlo e’ il sindaco di Pizzo, Gianluca Callipo. La cassa, che si ritiene possa contenere i resti di Murat, è stata individuata nel 2011 grazie a una sonda con telecamera che fu calata per esplorare i sotterranei del duomo. In quell’occasione, le immagini mostrarono numerosissimi resti di corpi umani, tumulati nel corso dei secoli, a conferma della consuetudine di seppellire i defunti sotto le chiese.



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>