...


Strada fantasma Scala Coeli-Terravecchia, qualcosa si muove

Sopralluogo del presidente della provincia sulle strade comunali e provinciali

La Redazione

SCALA COELI, venerdì 22 aprile 2016.

Strada chiusa SP260 Scala CoeliNei giorni scorsi si è recato a Scala Coeli il Presidente della Provincia di Cosenza Franco Bruno unitamente agli ingegneri Francesco Basta e Claudio Le Piane ed i geometri De Angeli e Blasi. Il presidente, alla presenza di alcuni componenti del comitato ha effettuato un sopralluogo prima sulla strada di collegamento Scala Coeli – San Morello per poi recarsi alla casa comunale per incontrare il commissario prefettizio Francesco Giordano ed il Sindaco di Terravecchia Mauro Santoro.

Dopo un’ampia discussione nella quale i presenti hanno evidenziato la problematica inerente il grave stato di abbandono della viabilità dovuta all’incuria ed al dissesto idrogeologico, Nicola Abruzzese ha sottolineato che le responsabilità sono da attribuire ai rappresentanti politici comunali, provinciali e regionali del recente passato, colpevoli di non essere stati in grado di rappresentare le gravissime carenze del territorio. Successivamente il Presidente ed i rappresentati del comitato hanno effettuato un ulteriore sopralluogo sulla famosa SP260 (interdetta al traffico da oltre 10 anni) che collega Scala Coeli a Terravecchia per verificare lo stato attuale dell’arteria. Il presidente ha riferito che per la SP 260sono stati presentati ben due progetti di ripristino: uno di 20 milioni di euro (Scala Coeli – Terravecchia) ed un’altro di un milione e mezzo (Terravecchia – Cariati). Franco Bruno a concluso la vista nel piccolo comune Jonico con l’impegno di seguire con interesse l’evolversi della situazione.



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>