...


Agrumicoltura, Coldiretti: la visita del Ministro Martina a Rosarno una grande occasione

Molinaro: di grande attualità l’iniziativa della Coldiretti “non lasciamo sola Rosarno…coltiviamo gli stessi interessi”

La Redazione

Rosarno, domenica 23 ottobre 2016.

arancetoPrevista la presenza del Presidente nazionale di Coldiretti Roberto Moncalvo.
“All’indomani dell’approvazione della Legge sul caporalato, è davvero una gran bella notizia, che il Ministro delle Politiche Agricole e Alimentari Maurizio Martina, venga a Rosarno per illustrare i contenuti della nuova normativa che ribadiamo va nella giusta direzione perché garantisce la legalità nei campi e spezza le catene che per anni, hanno permesso lo sfruttamento di tante persone”. Pietro Molinaro presidente di Coldiretti Calabria, annunciando che nell’occasione ci sarà anche la presenza del Presidente Nazionale della Coldiretti Roberto Moncalvo, rilancia i contenuti dell’iniziativa della Coldiretti partita il 29 dicembre 2010 sotto lo slogans “Non lasciamo sola Rosarno coltiviamo gli stessi interessi”. Possiamo e dobbiamo – aggiunge – chiudere il cerchio, scrivere una pagina nuova in questa area della regione per assicurare alle imprese agricole condizioni  economiche e sociali più favorevoli. Riconoscere il valore etico e produttivo del Made in Calabria con la firma dei produttori calabresi ed anche in questo caso, facendo il paio con la legge sul caporalato, dare il giusto valore, nel rispetto dei valori di eticità, rispetto dei vincoli sociali, a beneficio dei cittadini-consumatori e dell’economia di un territorio con una equa remunerazione al mondo della coltivazione innescando un processo rigeneratore della legalità. Molinaro allora  ripropone l’ attualità dell’aumento del contenuto di succo di arance nelle bibite al 20%, in relazione alla legge 30 ottobre 2014, n.161 (legge europea 2013-bis). Chiediamo altresì – prosegue – anche  l’indicazione dell’origine in etichetta per i succhi bevibili L’applicazione della Legge e l’indicazione di origine, “sarebbero un bel segnale nei confronti di un vasto territorio che ha nell’agrumicoltura una reale possibilità di sviluppo e reddito e un contributo fondamentale a coniugare giustizia economica e sociale”. Tutto questo contribuisce ad eliminare la catena di sfruttamento che vede coinvolte imprese agricole, lavoratori e piccole industrie di trasformazione. “Quale migliore occasione – conclude – se non quella di lunedì p.v. che riconferma che Rosarno non è stata lasciata sola perchè a fare fronte comune ci sono le istituzioni del territorio, agricoltori, governo regionale e nazionale, parlamento



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>