...


La Capitaneria di Porto sequestra il depuratore di Belvedere Spinello

La Guardia Costiera continuerĂ  con le ispezioni in tutti gli impianti di depurazione presenti nel territorio della provincia crotonese

Comunicato della Guardia Costiera

Belvedere Spinello, mercoledì 26 ottobre 2016.

depuratore-di-belvedere-spinelloGravi carenze nel ciclo depurativo. Questa la motivazione per la quale i militari della sezione di polizia giudiziaria della Capitaneria di porto di Crotone sono stati costretti a sequestrare uno dei due impianti di depurazione comunale di Belvedere Spinello.
Le operazioni, mirate al controllo degli impianti depurativi di proprietà degli enti comunali, sono state condotte nell’ambito delle consuete attività di vigilanza ambientale finalizzate alla tutela della salute dei cittadini.
Il personale della Capitaneria di porto ha scoperto che i liquami urbani provenienti dalla rete fognaria cittadina, in ingresso al depuratore di “Chiusa del Pozzo”, non subiscono il previsto ciclo depurativo finendo “tal quali”, direttamente nel fiume Neto attraverso il fosso naturale di Timpa del Salto.
Di fronte all’evidente inefficienza dell’impianto di trattamento, gli accertatori hanno provveduto a sequestrare il depuratore, affidandone la custodia giudiziale al sindaco del comune pre-silano e denunciando i responsabili all’Autorità Giudiziaria.
Attraverso il ricorso allo strumento della custodia si potranno intraprendere tutte le necessarie azioni per il ripristino della piena funzionalitĂ  della struttura depurativa.
Con la finalità, inoltre, di verificare il rispetto dei parametri batteriologici e chimici nei limiti fissati dalla legge, sono stati effettuati campionamenti chimico-biologici dei reflui in uscita dall’impianto. Le acque raccolte verranno sottoposte ad analisi di laboratorio.
Di certo, livelli superiori rispetto a quelli previsti dalle norme rappresenterebbero un indicativo di non idonea efficienza del trattamento depurativo, e questo confermerebbe ancor piĂą l’esistenza di una fonte di potenziale rischio per la salute dei cittadini e di grave danneggiamento dell’ambiente.



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>