...


Il 25 e 26 marzo il FAI invita a conoscere 400 località d’Italia

Il borgo di Santa Severina ancora una volta ha aderito all’iniziativa. Grazie all’impegno dell’Amministrazione, degli allievi del Liceo e dell’Istituto Turismo “Borrelli”

La Redazione

Santa Severina, lunedì 20 Marzo 2017.

Piazza-Santa-SeverinaIl 25 e 26 marzo il FAI invita a conoscere 400 località d’Italia dove, grazie all’impegno di 7.500 volontari e 35.000 Apprendisti Ciceroni, saranno aperti oltre 1.000 siti: chiese, ville, giardini, aree archeologiche, avamposti militari, interi borghi. Si tratta di tesori di arte e natura spesso sconosciuti, inaccessibili ed eccezionalmente visitabili in questo weekend.

Il borgo di Santa Severina ancora una volta ha aderito all’iniziativa. Grazie all’impegno dell’Amministrazione Comunale e degli allievi del Liceo Classico e dell’Istituto Tecnico per il Turismo “Diodato Borrelli” , il 26 marzo sarĂ  aperto al pubblico il quartiere Grecìa, un’area archeologica di grande interesse storico, artistico e paesaggistico. Recentemente inserita in un progetto di riqualificazione urbana denominata “Cavalcata di Santa Anastasia”, l’area presenta grotte e reperti archeologici di diverse epoche storiche, l’antica porta (a picco sul dirupo) e il rudere di una chiesa (con vano ipogeo sottostante) giĂ  segnalata da Paolo Orsi, ancora oggi di diversa interpretazione da parte degli studiosi. Interessanti sono anche gli imponenti resti (pilastri e muri) di quello che potrebbe essere un’antica Sinagoga.
Per l’occasione, su prenotazione, verranno proposte anche visite guidate in lingua inglese, ideate per dar modo ai cittadini di origine straniera di servirsi della cultura come ulteriore strumento di integrazione sociale.

Ad accogliere i visitatori oltre agli studenti del Borrelli, che per l’occasione si caleranno nei panni di Apprendisti Ciceroni, anche i volontari della Pro Loco “Siberene” che allestiranno un banchetto per la degustazione di dolci e prodotti tipici.
Quest’anno si festeggia la 25ª edizione delle Giornate del FAI, un’iniziativa che «ha contribuito a ricostruire un ponte tra circa nove milioni di persone che hanno partecipato e il territorio in cui vivono attraverso la riscoperta di luoghi speciali, dove è scritta la nostra storia e la nostra identità».

8 visite 



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *