...


Secondo posto per Angela Caccia di Crotone al III° Festival internazionale della poesia a Mantova

Nel corso della terza edizione del Festival internazionale Virgilio – Mantova poesia, che dal 18 al 21 maggio ha visto sfilare nomi grandi della poesia italiana

La Redazione

Crotone, mercoledì 24 maggio 2017.

Secondo posto per Angela Caccia di Crotone al III Festival internazionale della poesia a MantovaA Mantova dal 18 al 21 maggio ha visto sfilare nomi grandi della poesia italiana contemporanea come Milo De Angelis e Franco Loi, si è svolta la cerimonia di premiazione del Premio Terre di Virgilio, e anche la 3’ edizione ha avuto una giuria di tutto rispetto.
Il concorso era diviso in due sezioni: “Vita di scienze” riservata a poeti affermati o esordienti e “L’ozio degli attivi”, rivolta a persone in condizione di fragilitĂ  ospiti di strutture protette. Per la sezione “Vita di scienze” il primo classificato è risultato Erik Battiston di Pordenone, al terzo posto Stefania Onidi di Perugia, al secondo Angela Caccia di Crotone.
Dinanzi un pubblico attento e partecipe, convocato presso la Loggia del Grano, il critico letterario Stefano Iori ha letto la motivazione del premio relativo alla Caccia che ha proposto tre poesie, tutte inserite nella relativa antologia:
Il fascino dell’aurora:
Angela Caccia comprende la morte nelle sue corde, ne dice in due liriche su tre: … un cimitero di morti innocenti o una sorta/di cellario per stampelle usate e ormai accatastate … e poi ancora: non accostare la notte/ alla morte -altri silenzi-
Ma altro si contrappone, in termini duali e dialogici, alla fine ineluttabile: l’amore per la promessa. La ricerca del nuovo, del non detto, ma anche della rigenerante e del ritornante (nulla torna uguale) si pongono nei versi come forze altre, condensandosi nell’intima vitalitĂ  intellettuale dell’autrice. Si afferma come un anelito contrapposto alla morte stessa: è l’aurora delle cose dei pensieri, ovvero al fascino di ciò che accade si manifesta come se fosse la prima volta. E c’è la nuova luna che risolleva pensieri affossati. Declinate inanellando tratteggi di sensazioni che sgorgano in virtĂą della lontananza (da amori abbandonati, amicizie un po’ ventrali e abbracci, lontani e quindi desiderati) le tre poesie hanno il pregio aggiunto di un io autoriale lieve. Stefano Iori
Ma al prestigioso riconoscimento conseguito a Mantova lo scorso 20 maggio, se ne è aggiunto un altro e non da meno, considerando i tanti e bei nomi di poeti che hanno affollato il concorso letterario in questione alla sua XXIII edizione: il nuovo libro della Caccia, Piccoli Forse, edito da LietoColle e prefato da Davide Rondoni, ha ricevuto un premio speciale dalla giuria al Premio Tra secchia e Panaro, la cerimonia si terrà il prossimo 21 giugno a Modena.



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>