...


4 Ristoranti di Alessandro Borghese comincia dalla Calabria

Il 1 giugno in onda su Sky Uno, la prima puntata della trasmissione del celebre chef che racconta i piatti piccanti calabresi puntata sostenuta dalla Calabria Film Commission

La Redazione

Cropani Marina, mercoledĂŹ 31 maggio 2017.

foto alessandro borgheseLa celebre trasmissione di Sky Uno “4 ristoranti” condotta dallo chef Alessandro Borghese fa tappa in Calabria. La prima puntata della stagione estiva racconterĂ  proprio i migliori locali calabresi. Un progetto televisivo sostenuto dalla Calabria Film Commission:”Siamo lieti di aver ospitato e sostenuto una puntata di una trasmissione di grande successo – commenta il Presidente della Calabria Film Commission, Giuseppe Citrigno – si tratta di un format cche sposa a pieno la nostra mission: valorizzare il territorio, far conoscere la nostre splendide location e la cultura di una terra dall’immense potenzialità”.
In onda il 1 giugno su Sky Uno alle 21.15 il primo degli otto episodi della stagione estiva, che vedono lo chef giramondo continuare il suo tour gastronomico in località molto rinomate per le vacanze, sia in Italia che all’estero.Nella prima puntata dell’edizione estiva dello show di Sky Uno, in onda tutti i giovedì a partire dal 1° giugno alle 21.15, lo chef giramondo è alle prese con la cucina piccante della regione, tra deliziosi piatti di pesce e ‘nduja in gran quantità.
Si parte dal “Ristorante da Aquino”, a Cropani Marina, dove lo chef Orazio non intende certo risparmiare sul condimento: ravioli di stocco e ‘nduja e bocconcini di tonno e guanciale piccante sono i suoi cavalli di battaglia, la “sardella pirottana” il suo asso nella manica.
A “Le ricchezze del mare” di Squillace, a farla da padrone è il baccalà, che la cuoca Caterina cucina in tutte le salse (ma soprattutto alla diavola) e infila praticamente dappertutto, dal sugo per la pasta al “morzeddhu”, un piatto che nella versione originaria si fa con la trippa e le frattaglie bovine. Un salto nell’entroterra porta Borghese a Simeri Chrichi, dove l’”Agriturismo Petrara” punta alla riscoperta dei sapori autentici della tradizione, con la “pasta dei poveri” (ricca però di ‘nduja e fonduta di caciocavallo) e il tortello di soffritto. Il titolare, Antonio, ama a tal punto il peperoncino da metterlo anche nei dolci, come capita nella “crostata scomposta” a base di mele e cannella. A due passi dalla spiaggia di Le Castella (Crotone), c’è invece il ristorante “L’Aragonese”: qui il peperoncino arriva dall’orto nel retro e per leggere il menù ci sarebbe bisogno di un traduttore locale. Meglio allora non scegliere e farsi portare i “cannarozzeddri cca siccia”, i “gamberoni ammucciati” e la “seppia arrighineddrata”, tutti insieme. E, dopo pranzo, aspettare un bel po’ prima di fare il bagno Il meccanismo del programma è sempre lo stesso: quattro i concorrenti in gara, ognuno invita a turno gli altri tre e Borghese nel proprio ristorante. Il voto dei commensali (da 1 a 10), non riguarda soltanto le portate, ma anche la location (originalità nell’allestimento ed eleganza degli arredi), il servizio al tavolo e il rapporto qualità prezzo del menù proposto.



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>