...


Cirò Marina, le scuole “Capo Trionto” ed “Affatato” concludono l’anno con “Girotondo di Emozioni”

Le scuole dell’infanzia e la scuola primaria dell’Istituto Casopero concludono l’anno scolastico 2016-2017 liberando le emozioni tra fiabe e racconti

La Redazione

Cirò Marina, lunedì 19 giugno 2017.

CiroĚ€ Marina, le scuole Capo Trionto ed Affatato concludono l'anno con Girotondo di Emozioni1Venerdì 16 giugno i plessi dell’Infanzia “Capo Trionto” ed “Affatato” hanno concluso due progetti avviati durante l’anno scolastico. “Girotondo di Emozioni” ci ha raccontato le relazioni tra i bambini e le loro emozioni. Attraverso un percorso ludico-motorio-emotivo ed espressivo, mirato a sviluppare nei bambini le capacitĂ  di adattarsi alla quotidianitĂ  e di imparare a gestire le proprie emozioni, al fine di utilizzarle in maniera positiva, le docenti hanno utilizzato il racconto per insegnare a riconoscere le emozioni che albergano dentro ognuno di noi, al fine di poterle controllare. CiroĚ€ Marina, le scuole Capo Trionto ed Affatato concludono l'anno con Girotondo di Emozioni2E i bambini ce le hanno mostrate nelle loro rappresentazioni grafiche che hanno colorato le pareti di un’aula inaugurata appositamente per ospitare la mostra del “Cuore”, con tanto di “taglio del nastro” ad opera della prof.ssa Barbara Turano, della scuola secondaria di primo grado “Casopero”, affiancata dal DSGA, dott. Fracco Carluccio.

Nel pomeriggio, la fiaba ha continuato a prender vita al Palazzetto dello Sport, dove è stata presentata la manifestazione conclusiva del progetto interregionale: una regione in movimento “CORRI, SALTA E IMPARA” 2, che attraverso la rappresentazione motoria del racconto di Pinocchio, ha condotto i bambini a prendere coscienza delle regole del vivere civile nel rispetto di tutti gli esseri viventi che ci circondano. Cirò Marina, le scuole Capo Trionto ed Affatato concludono l'anno con Girotondo di Emozioni3Un’altalena di azioni “sì” e di azioni “no”, dettate a suon di musica e di danza, hanno portato all’attenzione del pubblico emozionato, le azioni “giuste”, impresse dai bambini su una serie di cartelloni che scorrevano davanti agli occhi dei presenti, per insegnare agli adulti ad essere perfetti cittadini del mondo. La manifestazione, attuata con la collaborazione di tutte le docenti, coordinate dalla referente Itria Manfredi, e dalle insegnanti Caterina Mazza, Anna Maria De Filippis, Claudia Belviso, Maria Frustilla, Isabella Sorrenti, e Rosa Fortino, è stata dedicata ad Angela Micalizzi, una docente da poco tempo scomparsa, sempre attenta ai bisogni della scuola e dei bambini, che le colleghe hanno voluto ricordare per la sua umiltà e professionalità. Cirò Marina, le scuole Capo Trionto ed Affatato concludono l'anno con Girotondo di Emozioni4Docenti e genitori intervenuti hanno ringraziato la prof.ssa Angela Vulcano, che ha diretto i bambini in una esibizione al ritmo di cucchiai e secchielli! L’evento sì è concluso con la consegna degli attestati ai “Remigini”, i bambini che hanno concluso il terzo anno di scuola dell’Infanzia.
La scuola prima primaria “Butera” ha invece presentato un progetto di teatro dal titolo: “DIRE, FARE, TEATRARE” sviluppato dall’insegnante referente Teresa Morise e conclusosi con la manifestazione: “OCCHIO PINOCCHIO”, a cui hanno partecipato i bambini delle classi terze, quarte e quinte, preparati dalle docenti Rita Arcuri, Antonietta Cotugno, Rosalba Ferraro, Franca Murano, Rosanna Marinelli, Mariangela Carluccio, Francesca Calabretta, Isabella Quattromani e Carmelina Errico. Adattata alle capacità dei piccoli interpreti che hanno coinvolto il pubblico presente suscitando forti emozioni, lo spettacolo ha ripercorso le tappe che caratterizzano l’infanzia, attraverso un vero e proprio “processo”, con un imputato di eccezione: Pinocchio, che ha proposto alla corte una versione molto particolare del suo passato, con scene di vita quotidiana ma ricche di metafore, e con i personaggi di spicco: il Gatto e la Volpe, simboli dei cattivi della società, sempre pronti a sferrare il primo colpo e ad ingannare gli ingenui e la Fata Turchina, una mamma pronta a perdonare, esortando l’amato figlio a intraprendere il giusto cammino e conducendo se necessario, sulla retta via. Con le ultime parole, pronunciate da Pinocchio: “Non lasciatemi solo”, la Dirigente Scolastica, la dott.ssa Bombina Carmela Giudice, nel suo intervento, oltre a complimentarsi per la buona riuscita della rappresentazione, ha voluto mettere in evidenza il messaggio rivolto, specialmente agli adulti, che spesso troppo presi dai loro problemi, non vedono e non ascoltano.
Prof.ssa Filomena Zungri

Salva



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>