...


Conclusa con successo la III^ Edizione della Rassegna Regionale del Teatro Dialettale a Scandale

La Rassegna, organizzata dall’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Iginio Pingitore ha visto il patrocinio della F.I.T.A. ed il contributo di Ergosud ed Enervia Catanzaro

La Redazione

Scandale, martedì 12 settembre 2017.

Conclusa con successo la III^ Edizione della Rassegna Regionale del Teatro Dialettale a ScandaleSi è conclusa come meglio non si poteva la III Edizione della Rassegna Regionale del Teatro Dialettale, intitolata alla memoria di Gino Scalise, illustre cittadino di Scandale, nel 1979 sindaco del piccolo borgo e per molti anni presidente diocesano dell’Azione Cattolica, passato a vita migliore quasi il 19 ottobre 2014. E’ stata l’Associazione Culturale “Hercules” di Catanzaro con la commedia brillante “Comu vo’ Diu” di Antonio Macrì a vincere il primo premio, nella cerimonia conclusiva del 5 settembre che ha visto la presenza di Don Serafino Parisi, vicario episcopale per la pastorale, ed Iginio Carvelli, autore della biografia “Gino Scalise – Ulivo Rigoglioso in piena selva” (Calabria Letteraria Editrice). La compagnia ha fatto incetta di riconoscimenti, accaparrandosi il Premio Gradimento del Pubblico, il Premio FITA, il Premio Migliore Regia ed i Premi Migliore Attrice non protagonista e Migliore Attore caratterista.

La Rassegna, organizzata dall’ Amministrazione comunale guidata dal sindaco Iginio Pingitore ha visto il patrocinio della Federazione Italiana Teatro Amatori ed il contributo di Ergosud ed Enervia Catanzaro.

Un evento che, per il terzo anno, ha raccolto notevole successo tra gli abitanti del piccolo borgo del Marchesato, accorsi nella splendida cornice di Piazza San Francesco ad assistere alle cinque rappresentazioni tenutesi nel mese di agosto. Ha dato il via alla manifestazione il Gruppo Teatro “Giovanni Vercillo” di Lamezia Terme (9 agosto), seguita (il 17 agosto) dall’Associazione Culturale “Hercules” di Catanzaro, dall’Associazione Culturale Teatro Amatoriale “Nati per caso” di Vibo Valentia (23 agosto), dall’Associazione Culturale Gruppo Teatrale “Belluvidiri” di Belvedere Spinello (21 agosto) e, dall’Associazione “Confluenze” di Rende (25 agosto), la quale si è aggiudicata il Secondo Premio con la commedia brillante in atto unico “Tuttapò” di Loredana Marsico, oltre ai premi per il migliore attore protagonista e per la migliore sceneggiatura.

«Un evento realizzato con l’obiettivo di riflettere sulle radici del nostro popolo – ha detto Ippolito Emanuele Pingitore, direttore artistico della  manifestazione -, perseguitato da un connaturato complesso di inferiorità che lo porta a misconoscere la propria storia, la propria cultura e ad abbandonarsi ad uno stato di perenne rassegnamento dinanzi alle sfide dei tempi. L’emigrazione come medicina per le sue piaghe, lo spopolamento come conseguenza, la morte sociale come risultato. Non rassegnarsi alla globalizzazione – era questo il messaggio di fondo – bensì reagire e sfruttare le ricchezze di cui la nostra terra è piena, a partire dalla scoperta del mosaico di dialetti e culture locali di cui la Calabria è piena. Da questi sentimenti è scaturita l’idea di intitolare la manifestazione alla memoria di Gino Scalise, il quale nei suoi scritti e nella sua vita ha saputo testimoniare le virtù e le piaghe più purulenti della Calabria. Folle di braccianti verso il nord/ come uliveti fuggenti/ incrocianti i treni del sud. È questa la metafora con cui si apre Sui fiumi di Babilonia (Fasano Editore, Cosenza), pubblicato da Scalise nel 1976. Sta in questi versi ermetici la descrizione di settanta anni di sofferenza, vissuta sulla pelle di nonni e padri, partiti verso le terre del Canada, dell’Argentina su navi cariche di speranze. Oltre l’oceano portarono i loro cuori e i loro affetti. Da lì mai fecero ritorno. Esodo è, infatti, il titolo della poesia».

Nella cerimonia conclusiva sono stati assegnati i seguenti premi: a Marco Tiesi (Rende) il Premio Migliore Attore protagonista, a Jenny Longo (Vibo Valentia) Premio Migliore Attrice Protagonista, a Giovanni Paolo d’Ippolito (Lamezia Terme) il Premio Migliore Attore Non Protagonista, a Mariella Iritano (Catanzaro) il Premio Migliore Attrice non Protagonista, a Franco Procopio (Catanzaro) il Premio Migliore Attore Caratterista, a Piero Procopio (Catanzaro) il Premio Migliore Regista, a Loredana Marsico (Rende) il Premio Migliore Sceneggiatura, all’Associazione Culturale Teatro Amatoriale “Nati per caso” di Vibo Valentia il Premio Migliore Scenografia ed il Premio della Critica.



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>