...


La legge sul Caporalato ad un anno dall’approvazione

Molinaro: la maturitĂ  dimostrata dalle aziende agricole. No al pagamento sotto il costo di produzione

La Redazione

Catanzaro, venerdì 20 ottobre 2017.

caporalatoProprio un anno fa è stata approvata dal Parlamento la legge 199 per il contrasto al fenomeno del caporalato che è entrata in  vigore il 29 ottobre 2016.  Una legge di civiltĂ  – dichiara Molinaro Presidente di Coldiretti Calabria – che possiamo dire è nata anche in Calabria. Una legge che deve essere esportata, posta all’attenzione mondiale  poichĂ© senza dubbio le nostre produzioni subiscono una concorrenza sleale in quanto, un prodotto agroalimentare su cinque che arriva in Italia dall’estero non rispetta le normative in materia di tutela dei lavoratori. Si stima che siano coltivati o allevati all’estero oltre il 30% dei prodotti agroalimentari consumati in Italia anche da paesi extracomunitari dove non valgono gli stessi diritti sociali dell’Unione Europea e dell’Italia. Un “caporalato bianco e invisibile” che purtroppo passa inosservato solo perchĂ© avviene in Paesi lontani. E tutto questo accade nell’indifferenza delle Istituzioni nazionali ed europee che anzi spesso – denuncia la Coldiretti – alimentano di fatto il commercio dei frutti dello sfruttamento con agevolazioni o accordi privilegiati per gli scambi che avvantaggiano solo le multinazionali. Non è accettabile che alle importazioni sia consentito di aggirare le norme previste in Italia dalla legge nazionale sul caporalato ed è necessario, invece, che tutti i prodotti che entrano nei confini nazionali ed europei rispettino gli stessi criteri a tutela della dignitĂ  dei lavoratori, garantendo che dietro tutti gli alimenti, italiani e stranieri, in vendita sugli scaffali ci sia un percorso di qualitĂ  che riguarda l’ambiente, la salute e il lavoro, con una giusta distribuzione del valore a sostegno di un vero commercio equo e solidale. Un esempio di quello che accade, è rappresentato dalle importazioni di conserve di pomodoro dalla Cina al centro delle critiche internazionali per il fenomeno dei campi agricoli lager che secondo alcuni sarebbero ancora attivi, nonostante l’annuncio della loro chiusura. Nel 2016 sono aumentate del 36% le importazioni in Italia di concentrato di pomodoro dal Paese asiatico che hanno raggiunto 92 milioni di chili, pari a quasi il 10% della produzione nazionale in pomodoro fresco equivalente. E’ di casi simili ci sono in tutto il mondo.  Nella nostra regione, riscontro una grande maturitĂ  delle aziende agricole e alla vigilia della grande raccolta degli agrumi l’itera  filiera agrumicola che va dal mediatore alla distribuzione- osserva Pietro Molinaro Presidente di Coldiretti Calabria – deve, qualificarsi in quanto ad  eticitĂ  e trasparenza:  garantire i diritti delle aziende agricole e dei lavoratori e non macchiarsi, soprattutto alle nostre latitudini, di comportamenti sleali. Ricordiamo che il prezzo all’agricoltore compresa la raccolta, non può essere al di sotto di 35 centesimi, oltre Iva,  al kg. per le clementine e 30 centesimi per le arance. Purtroppo accade invece che nella filiera – precisa –  i vari soggetti  (ancora troppi a dir la veritĂ ) che vanno dal mediatore alla distribuzione  sottopagano il prodotto, e alimentano  lo sfruttamento dei lavoratori e la chiusura delle aziende agricole compromettendo la competitivitĂ  di un comparto strategico della Calabria. Non pagare sotto il costo di produzione – sottolinea – è un imperativo  e questo deve essere sancito, come prevede la Legge, da contratti scritti. Abbiamo davanti tutti gli elementi per spingere verso una fase di maturitĂ  contemperando il reddito delle aziende con i diritti dei lavoratori.



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>