...


Progetto della Questura di Cosenza “lllegalitĂ , no grazie!”

La Questura di Cosenza, anche quest’anno, per il quarto anno scolastico consecutivo, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Provinciale, ha dato avvio al Progetto “lllegalitĂ , no grazie!”

La Redazione

Cosenza, giovedì 09 novembre 2017.

Progetto della Questura di Cosenza lllegalitaĚ€, no grazie! (1)Il Progetto “lllegalitĂ , no grazie!”, rivolto agli alunni delle scuole secondarie di primo grado e secondo grado della Provincia di Cosenza.
Il progetto, che in questi anni ha ottenuto grandi consensi da parte di alunni ed insegnanti, nasce dall’idea di andare tra i ragazzi, cittadini di domani, per dibattere con loro su tematiche di grande attualitĂ  e su valori fondamentali come quello della legalitĂ  e del rispetto delle leggi.
Gli incontri, organizzati e coordinati dalla Divisione Polizia Anticrimine, sono tenuti da personale specificamente individuato della Squadra Mobile, dell’Ufficio Minori, della Polizia Scientifica, dell’Ufficio Sanitario, dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, della Sezione di Polizia Postale e delle Comunicazioni, della Sezione di Polizia Stradale.
Progetto della Questura di Cosenza lllegalitaĚ€, no grazie! (2)11 primo incontro dell’anno scolastico 2017/2018, sarĂ  tenuto giovedì 9 novembre, presso l’Istituto d’istruzione Superiore Liceo Scientifico – ISA- IPSIA di San Giovanni in Fiore (CS), dove l’esperto della Polizia Postale affronterĂ  i temi della sicurezza sul web, del cyberbullismo, dei giochi online, delle truffe Online, mentre nella seconda parte, l’esperto della Polizia Scientifica, presenterĂ  le principali sostanze di abuso, spiegandone gli effetti e le conseguenze a livello fisico e mentale.
L’appuntamento successivo, sarĂ  il 24 novembre, presso il Liceo Scientifico- Linguistico “Pitagora” di Rende (CS), dove il personale della Squadra Mobile affronterĂ  il fenomeno della Violenza di genere e degli atti persecutori, illustrando la legislazione in materia di femminicidio. Nella seconda parte, invece, la Polizia Postale, illustrerĂ  i pericoli della rete, dispensando consigli su come difendersi dal cyberbullismo, dalle truffe on-line, dagli adescamenti in chat.



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>