Cirò Marina, Al lavoro la Commissione Straordinaria all’insegna del ripristino immediato della legalità

La Commissione Straordinaria, insediatasi nel Comune di Cirò Marina, per la provvisoria gestione dell’Ente, a seguito dello scioglimento del Consiglio comunale e dagli esiti dell’Operazione Stige, composta dal Prefetto Giuseppe Gualtieri, dal Viceprefetto Francesco Zito e dal funzionario economico Gianfranco Ielo, ha svolto, nei primi giorni, un’attività ricognitoria della struttura organica dell’Ente e, soprattutto, dei procedimenti in itinere in ciascuno dei settori di articolazione dello stesso.

Si rappresenta che l’Ente versa in stato di dissesto finanziario, dichiarato dall’organo consiliare nel settembre 2016. Ebbene, con buon anticipo sulla prima scadenza questa Commissione straordinaria, esercitando i poteri del Consiglio Comunale, ha dapprima preso atto del Decreto Ministeriale notificato dalla Prefettura di Crotone, contenente le prescrizioni a cui attenersi durante il periodo di risanamento, e, poco dopo, ha dato corso all’approvazione del Bilancio 2016/2018, corredato dalla Relazione dell’organo di revisione economico-finanziaria, verificandone la conformità all’Ipotesi.

Nei primissimi giorni di attività di questa Commissione Straordinaria, sono stati posti in essere i seguenti atti:

PISCINA COMUNALE
È stata acquisita nella disponibilità dell’Ente la struttura ospitante la Piscina Comunale, la cui concessione amministrativa, più volte citata nella “Operazione Stige”, era caratterizzata sia dall’assenza di formale contratto, sia dal mancato pagamento dei canoni da parte del “concessionario”, sia, da ultimo, dal “termine” comunque scaduto, prendendo come parametro la mera determina di aggiudicazione dell’appalto.
La presa in possesso della Piscina, peraltro, ha risposto all’esigenza – ulteriore rispetto a quella di ripristino della legalità – di rispondere con immediatezza alla richiesta della numerosa utenza fruitrice della struttura, di una rapida ripresa delle attività sportive, sia agonistiche che semplicemente amatoriali e/o terapeutiche.
Dopo una serie di sopralluoghi sulla struttura pubblica, riscontrandone un’oggettiva carenza sia sotto il profilo della circolazione dell’acqua, sia sotto quello dell’impianto termico: segnatamente per quel che concerne l’utilizzo dei pannelli solari.  E’ stata acquisita una perizia effettuata da società specializzata e si è accantonata in bilancio la somma necessaria per il ripristino del funzionamento della piscina.
La Centrale Unica di Committenza convenzionata col Comune di Cirò Marina, operante presso la Provincia di Catanzaro procederà ad un affidamento – al massimo trimestrale – mediante procedura negoziata.
L’obiettivo della Commissione è accelerare quanto possibile la fruizione della struttura da parte dell’utenza.

PANNELLI PUBBLICITARI
• Si è proceduto con immediatezza alla rimozione dei Pannelli abusivi che, soprattutto sul Lungomare di Cirò Marina, minavano il decoro estetico del centro urbano. La motivazione pregnante, comunque, è stata l’assenza di titolo da parte dei titolari delle società e/o Ditte individuali all’occupazione di suolo pubblico ed alla pubblica affissione.
I soggetto interessati dal provvedimento – in verità parte di essi, perché altri sono direttamente coinvolti nell’Operazione Stige – sono stati ricevuti dalla Commissione ed è stata spiegata loro l’intenzione di approvare un apposito regolamento volto a porre regole precise, anche a beneficio della loro legittima attività.
Il compito di predisporre in tempi brevi siffatto Regolamento è stato affidato al Vice Comandante della Polizia Locale.

MENSA SCOLASTICA
• Si è proceduto senza indugio all’annullamento in autotutela della gara d’appalto afferente il servizio di refezione scolastica, giacente presso la CUC sopra citata. Lo stato del procedimento giace da alcuni mesi sulla nomina della Commissione giudicatrice. La revoca è dovuta all’opportunità derivante da alcuni significativi passaggi dell’ordinanza afferente la più volte citata “Operazione Stige”.

MERCATO ITTICO, OPERE ABUSIVE e BOX AREA PORTUALE
• Un sopralluogo immediato all’Area portuale ha evidenziato, ictu oculi, i numerosi abusi ivi esistenti, oltre che lo sconcertante mancato funzionamento del “Mercato ittico”.
Una continua interlocuzione con la Capitaneria di Porto è volta a portare ordine in quell’area, stabilendo regole precise in linea con il Codice della Navigazione e con le ordinanza della stessa Capitaneria di Crotone.
Molte opere abusive sono state rimosse spontaneamente.
Con apposita ordinanza dirigenziale si è proceduto all’acquisizione dei box dell’area portuale, a suo tempo assegnati – nel 2014 – senza una determinazione di tempo e senza che gli assegnatari abbiano versato la quota pattuita.
In tempi brevi si procederà all’avvio della procedura esecutiva da parte del legale dell’Ente a carico dei soggetti inadempienti ed all’espletamento della nuova gara, al rialzo sul prezzo a base d’asta, per l’assegnazione dei box comunali insistenti sul Demanio marittimo.

PIANO ANTICORRUZIONE
• E’ stato adottato, nei termini, l’aggiornamento al Piano anticorruzione 2018. La Commissione si prefigge il compito di agevolarne l’attuazione attraverso l’approvazione di specifici regolamenti, afferenti istituti come l’accesso civico o il whysteblowing, nonché attraverso incontri pubblici, anche formativi, volti ad informare sull’insidia dei fenomeni corruttivi nella P.A.
E’ intendimento, peraltro, di questa Commissione Straordinaria tematizzare il Piano delle Performance sugli obblighi di trasparenza e sulla prevenzione dei fenomeni corruttivi.

ALBO SCRUTATORI
• Sono state adottate una serie di deliberazioni afferenti la gestione ordinaria, quale la richiesta di anticipazione di tesoreria ai sensi dell’art. 222 del TUEL, così come si è proceduto alle sedute della Commissione Elettorale – coincidente con la Commissione Straordinaria giusta opportuna deliberazione della stessa Commissione adottata coi poteri del Consiglio – afferenti l’aggiornamento dell’Albo degli scrutatori e la relativa nomina mediante sorteggio pubblico in vista delle imminenti elezioni politiche del 4 marzo p.v.

Costituzione UFFICIO ELETTORALE e Spazi idonei AFFISSIONE MANIFESTI
• In riferimento alle elezioni dianzi citate, inoltre, si è dato corso al procedimento elettorale attraverso la costituzione dell’Ufficio e l’autorizzazione dello straordinario, nei termini di legge, a favore del personale dell’Ente che ha singolarmente accettato di svolgere tale ruolo.
La Commissione, peraltro, ha proceduto a delimitare gli spazi idonei all’affissione dei manifesti elettorali, nonché ad assegnarli alle forze politiche comunicate dalla Prefettura di Crotone in ordine alla propaganda diretta.

Finanziamenti OPERE PUBBLICHE – RACCOLTA DIFFERENZIATA – Delocalizzazione SCUOLA BUTERA
• Sul fronte delle Opere Pubbliche si è preso atto delle numerose richieste di finanziamento inoltrate dall’Amministrazione uscente – soprattutto alla Regione Calabria e nell’ambito dei cc.dd. Fondi Strutturali 2014/2020 – nonché, in ordine di priorità – degli interventi per i quali risultano già assentiti i relativi finanziamenti.
Su alcuni finanziamenti – come quello afferente l’implementazione della raccolta differenziata – è stata abbozzata una programmazione, senza soluzione di continuità con le deliberazioni già adottate dall’organo consiliare p.t.
Optando per un metodo partecipativo, si è tenuta una riunione con i professionisti che hanno collaborato alla redazione dei progetti afferenti l’edilizia scolastica, rilevando le criticità esistenti, specie per quel che attiene la necessità di adeguate indagini geotecniche e carotaggi e condividendo una tempistica volta a preservare il mantenimento di tutti i finanziamenti assentiti: in primi quello afferente la scuola “Butera”, per la quale si persegue l’obiettivo della delocalizzazione in ragione di una presunta faglia che l’attraverserebbe.

Delocalizzazione DEPURATORE
• E’ stata affrontata l’annosa questione dell’impianto di depurazione, constatando il diniego di autorizzazione al funzionamento dell’impianto da parte dell’ASP e, conseguentemente, dell’Amministrazione Provinciale.
Peraltro, nelle more della delocalizzazione dell’impianto – peraltro finanziata dalla Regione Calabria per una somma superiore ai 7.000.000,00 di euro -, si perseguirà l’obiettivo di un’autorizzazione provvisoria, adottando le opportune cautele a salvaguardia della salute degli avventori della spiaggia ciromarinese frontistante all’impianto stesso.

SOFTWARE GESTIONE TRIBUTI
• Si è proceduto alla verifica delle modalità di gestione dei tributi comunali, incontrando anche la Ditta proprietaria del software gestionale in uso.

RISCOSSIONE E EVASIONE TRIBUTI
• Sono state riscontrate numeroso criticità, al riguardo, ma, del pari, si è tracciato un percorso volto a razionalizzare i meccanismo di accertamento, soprattutto al fine di ottimizzare la riscossione ed eludere le ancora numerose evasioni.
L’importanza della riscossione delle entrate è accentuata nell’Ente dalla procedura di risanamento post-dissesto che, come evidenziato nelle prescrizioni ministeriali all’Ipotesi, poggia inevitabilmente sulla regimentazione delle entrate comunali, nessuna esclusa.
Per tale ragione la Commissione è intenzionata a razionalizzare i compiti ed i procedimenti relativamente a tutte le imposte e tasse, ivi compresa l’imposta di soggiorno.

Allo scadere della prima mensilità, la Commissione si accinge ad operare le scelte di riassetto delle Aree funzionali e di attribuzione delle Responsabilità in capo ai soggetti che saranno individuati quali titolari di Posizione Organizzativa.