...


Santa Severina, Animali vaganti sulla strada provinciale 56 dell’Alto Marchesato

E’ oramai tristemente noto, a chi transita lungo la strada provinciale 56 dell’Alto Marchesato, il pericolo di incorrere in animali vaganti

La Redazione

Santa Severina, domenica 11 marzo 2018.

Il tratto di strada, che collega  i Comuni di Santa Severina e quello di San Mauro Marchesato, è molto frequentata, oltre che dagli automobilisti, anche da mucche sia di giorno che di notte. Gli animali che abitualmente pascolano sull’asfalto rappresentano un grave pericolo per l’incolumità dei viaggiatori e soprattutto per chi si sposta quotidianamente per recarsi a scuola e al lavoro con l’auto costretti più volte ad arrestare la marcia ed attendere che gli animali liberino la carreggiata.

La maggior parte degli animali che vagano in strada non sono selvatici, ma poco custoditi dai rispettivi proprietari non curanti dell’incolumità del prossimo e di quella delle povere bestie delle quali, invece, dovrebbero essere responsabili. Un problema questo che non trova soluzione dalla notte dei tempi, ma che costituisce un fenomeno da arginare al fine di garantire e salvaguardare la sicurezza di tutti.

In virtù di questo venivano messi in atto, dagli Agenti della Polizia Municipale, vari servizi  finalizzati alla prevenzione e alla tutela delle proprietà pubbliche ed indirizzati alla sicurezza stradale. Questi servizi hanno permesso di denunziare in stato di libertà una persona per pascolo abusivo, danneggiamento della flora e della fauna, danneggiamento piante d’ulivo e maltrattamento di animali.

Gli uomini della locale Polizia Municipale sono giunti all’identificazione del proprietario dei bovini, lasciati liberamente a pascolare sulla Strada provinciale 56 -San Mauro Marchesato-Santa Severina-, dopo aver fotografato il numero identificativo, meglio conosciuto come auricolare, dell’animale.

Carmine Levato Comandante della Polizia Municipale, nell’esprimere il personale compiacimento ai propri collaboratori, rivolge un appello a tutti i cittadini di collaborare con le Istituzioni allorquando siano testimoni diretti e/o di relato di altri eventi della stessa natura. Continua nell’affermare che solo con l’impegno della cittadinanza vi è la possibilità di raggiungere l’obiettivo sperato.

150 visite 



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *