...


”Nudità dell’essere” l’ultimo lavoro della filosofa cirotana Maria Francesca Carnea

In edicola l’ultimo lavoro di Maria Francesca Carnea dal titolo: ”Nudità dell’essere”

LaRedazione

Cirò, lunedì 12 marzo 2018.

Perseverando scientemente nell’amore per la verità, scrive in una nota l’autrice- provo a meritare la fiducia della vita, con gratitudine, producendo contributo di pensiero critico e, nel contempo, costruttivo, persuasa che non la scienza, da sola, ma congiunta con la carità, e innestate di poesia e sano pensiero, nobilitino l’uomo e la società, edificandoli.
È inesaudibile e senza tempo- prosegue la Carnea- il bisogno umano di conoscenza, eguagliabile solo al bisogno infinito d’amore, e la ricerca, il voler capire, proprio della natura umana, non lascia mai l’uomo indifferente, soprattutto nel diletto dell’indagine. Il testo, saggio di Sociologia, Spiritualità, Comunicazione filosofica della politica, muove dall’incanto della poesia e, lungo la narrazione, sfocia nella filosofia politica, nell’ambizione, non esaustiva, di amalgamare la naturale ricerca umana, mettersi a servizio della comprensione dell’altro, fondendo spiritualità, tematiche sociali, giustizia, etica, comunicazione, mai dimentichi che è la Poesia, provvida di grazia, fonte di pensiero divenente. M’interrogo, racconto di me, scrive la filosofa- vestendo i panni di ogni creatura che, similmente, pone le stesse questioni alla vita che vive. Dispiego le vele partendo da un piccolo ruscello, e in esso identifico il divenire dell’esistenza: espongo analogie e sillogismi applicando l’arte di far partorire la mente scoprendomi ignorante, persuasa che l’intelligenza scopre e abita la nudità dell’essere persona. Esploro, attraverso la vita reale, gli abiti da indossare, abiti che non coprono la nudità ma ne rafforzano esistenza e carattere: le virtù umane a servizio del prossimo. La nudità dell’essere, attraverso il pensiero, entra nel grande emporio dei valori umani dimenticati e li richiama a vita, ad abiti di cui rivestire l’umanità impoverita, resasi fragile, assai vulnerabile, disabitata da sé. E lo fa attraverso l’incanto della ricerca nell’altro, conclude la filosofa- fragore di coscienza che inquieta. Non possiamo rimanere indifferenti, la vita si nutre e mai di niente, e parlare all’uomo, portarlo a riflettere, è dato che valorizza pienamente la sua nudità.

262 visite 



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *