...


Scala Coeli: Ingiusto danno all’immagine, azioni legali a tutela del paese

Il Sindaco Giovanni Matalone preannunzia la costituzione in giudizio contro chi dipinge la comunità come una realtà sporca per fini politici. «Scala Coeli è pulita» ed è tra i comuni “Ricicloni” con  il 74% di raccolta differenziata, altro che pic nic al Nicà

La Redazione

Scala Coeli, domenica 15 aprile 2018.

«Pronto a costituirmi in giudizio a tutela e a difesa dell’immagine della comunità». Il Sindaco Giovanni Matalone denuncia pubblicamente chi intende costruirsi il vestito da ambientista per fini personali con l’obiettivo di disegnarsi un futuro politico sulla base di falsitĂ  e menzogne. «E’ ora di dire basta alle quotidiane affermazioni da parte del Circolo Legambiente NicĂ  di Scala Coeli che, faziosamente, promuove in negativo il territorio del nostro Comune. Le “fake news” che appaiono sulla carta stampata e sui social, edite dal presidente del Circolo “Nicà”, arrecano un danno ingiusto all’immagine del Comune che io ed i miei consiglieri rappresentiamo. Non posso consentire, nĂ© a Nicola Abbruzzese nĂ© a chicchessia – continua Matalone – di far passare, con fare goffo e maldestro, notizie che rimandano l’immagine della nostra comunitĂ  a un luogo invivibile e sporco. E’ esattamente il contrario! E chi fa parte, o crede di farne parte, di Legambiente in Calabria, dovrebbe saperlo!».

L’amministratore sottolinea come Scala Coeli, con l’attuale Amministrazione Comunale, abbia raggiunto i vertici della graduatoria nella quale sono inclusi i cosiddetti “Comuni ricicloni” grazie a una raccolta di rifiuti che ha raggiunto, nell’anno appena trascorso, dal 01/03/2017 al 31/12/2017 la percentuale del 74% e addirittura dell’83% dal 1/3/2017 al 28/02/2018.

«Stranamente- dichiara Matalone- Legambiente Calabria scarta il nostro Comune dagli Enti virtuosi e premia San Demetrio Corone e Corigliano Calabro che raggiunge in tre mesi il 55%! La solita politica interessata dei due pesi e delle due misure. Il Circolo Legambiente “Nicà” di Scala Coeli, addirittura, organizza per il 25 aprile prossimo un pic-nic dal titolo “Liberiamo la biovalle del NicĂ  dalla monnezza” e, in un momento di lucida follia, il presidente del Circolo, Nicola Abbruzzese, nella sua comunicazione/invito trasmessa a diversi Enti ed Istituzioni, ha l’ardire di sottolineare che tale iniziativa “…presenta carattere di rilevanza regionale…! Atti di mero sciacallaggio» – rincara il primo cittadino. «La nostra valle, adagiata tra le sponde del NicĂ , è pulitissima! Altro che “monnezza”! La nostra Scala Coeli, oggi guidata dalla nostra amministrazione, è indenne dal sudiciume con il quale il Circolo locale di Legambiente vorrebbe “vestirla”: è stato, invece, qualche loro socio dell’ultima ora che ha provato a dare al nostro territorio un abito sporco e logoro! Sono pronto a costituirmi in giudizio contro chi continuerĂ  a provocare simili danni morali e di immagine nei confronti del nostro Comune, diffondendo notizie e spot da becera e piĂą che prematura (ma molto prematura!) campagna elettorale.

Ricordo, prima a me stesso e poi alle istituzioni nonchĂ© agli Enti invitati dal Circolo “Nicà” a partecipare il 25 aprile al banchetto, che in tale giorno c’è il solenne omaggio, da parte del Presidente della Repubblica Italiana e delle massime cariche dello Stato, al sacello del Milite Ignoto con la deposizione di una corona d’alloro in ricordo ai caduti e ai dispersi italiani nelle guerre: rendiamo omaggio ai veri eroi! Altro che pancetta e capocollo a Pipino: cospargetevi il capo di cenere!».

90 visite 



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *