...


Un successo e tanta emozione la rappresentazione teatrale su San Nicodemo da Cirò

E’ stato un grande momento culturale, profondo che ha emozionato il pubblico accorso in piazza Pugliese, domenica sera

LaRedazione

Cirò, giovedì 05 luglio 2018.

Un successo e tanta emozione ha scaturito la rappresentazione teatrale in abiti d’epoca de: “Il vincitore dei demoni-  San Nicodemo da Cirò” – Tra storia, musica, sapori tradizioni, ripercorrendo quello che sono stati i miracoli che il Santo ha compiuto nell’allora Ypskron, odierna Cirò, da fanciulletto. E’ stato un grande momento culturale, profondo  che ha emozionato il pubblico accorso in piazza Pugliese, domenica sera. Le scene scritte e dirette da Margherita Esposito hanno visto  un giovane San Nicodemo interpretato da Gianpaolo Chiarello un attore in erba ma giĂ  sicuro di se con un’ottima interpretazione tanto da suscitare tante  emozioni.
Nei panni di San Nicodemo Adulto l’architetto Vincenzo De Franco  calato nella parte perfettamente  che ha regalato momenti  alti di cultura. Lucia Zito ha interpretato invece la madre di San Nicodemo, brava e sensibile attrice, un talento naturale. L’indiscusso poliedrico  attore teatrale Luca Murano che ha interpretato il diavolo, che con la sua bravura ha saputo catturare  i momenti neri vissuti dal Santo  da fanciullo quando veniva perseguitato dalle forse occulte che lo tentavano in continuazione. E’ la prima volta che viene rappresentata una manifestazione su San Nicodemo per  valorizzare e far scoprire questa bellissima figura storica che appartiene a Cirò che gli ha dato la nascita avvenuto il 12 maggio  del 900 non lontano dalle saline del Neto, come attesta Apollinare Agresta,  abbate Generale  dell’Ordine di San Basilio  Magno nel 1677  e a Mammola dove morì il 25 marzo del 990.  Si è trattato di una rappresentazione in costume, basata su una libera interpretazione della vita di San Nicodemo. E’ il Santo Protettore di Cirò, dove già all’età di cinque  anni il padre lo aveva  affidato  all’ erudito  sacerdote  cirotano Galatone sua prima guida spirituale con cui mantenne  fino all’età della pubertà, una importante  corrispondenza epistolare, prima di essere affidato più tardi,  al maestro da lui scelto Fantino il Giovane, che fu anche maestro di Nilo da Rossano.

?

Visse a Cirò nell’allora Ypskron   in  zona Portello, dove oggi al posto della sua  casa natale si trova la chiesa omonima, e la zona Coppa Mordace, dove   spesso accompagnava nei campi, i genitori, il padre Theofano e Panta Dima, cognome tutt’ora diffuso nel cirotano. Proprio in questa zona esiste ancora oggi, tramandato da secoli da generazioni in generazioni, i suoi luoghi di culto come la grotta, la roccia del diavolo e la fontana scavata sul dorso di una enorme pietra.  “Per quanto fedele ai testi originali, scrive la regista e autore  della rappresentazione teatrale in costume, Margherita Esposito- propone una versione romanzata che offre un parallelismo con i giorni di oggi sul tema dell’ accoglienza, difesa dei deboli e diritto dei popoli. Valori che appunto il nostro Santo, dal carattere carismatico e forte fu antesignano nel X secolo.
L’obiettivo della manifestazione prosegue l’Esposito-  è divulgare e valorizzare la figura, dal punto di vista culturale,  di san Nicodemo che, per quanto sia nato a Cirò,  anche nella sua comunitĂ  è, ancora poco conosciuto. Il progetto ha coinvolto i ragazzi del paese in un percorso di integrazione e culturale volti ad avvicinarli all’arte teatrale”. Il lavoro in prosa si è completa con il ballo affidato alla scuola Ypsicron della maestra Francesca Lettieri.  La   comunitĂ  ha partecipato con orgoglio  a festeggiare  il Santo DOC cirotano che nei secoli ha lasciato tracce indelebile disseminate in tutta l’area, dalla sua casa natia  in zona Portello, fino alla zona Coppa Mordace dove ha fatto il miracolo del vino e dell’acqua. Intanto cresce l’attenzione sul percorso naturalistico e paesaggistico che porta ai luoghi sacri di San Nicodemo in zona Coppa-Mordace di Cirò. Nel corso della serata ha  aperto la Locanda medievale a cura dell’associazione Giovanni Paolo II.
La manifestazione  è stata organizzata dal comitato per il club per l’Unesco di Cirò Marina, con il patrocinio dell’amministrazione comunale, e  la partecipazione della compagnia La Torre di Melissa e dell’Oratorio San Domenico Savio di Cirò, in collaborazione con l’associazione Caritas e la scuola di ballo Ypsicron di Cirò.
Giuseppe De Fine

222 visite 



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *