...


ASP di Crotone: le parlamentari Barbuto e Corrado segnalano all’ANAC diverse anomalie a carico del Servizio Veterinario

Nella giornata di lunedì 9 luglio, infatti, le due portavoce hanno segnalato all’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) e per conoscenza al Direttore Generale dell’ASP di Crotone, dott. Sergio Arena, diverse e gravi anomalie

La Redazione

Crotone, lunedì 16 luglio 2018.

ASP di Crotone: le parlamentari Barbuto e Corrado segnalano all’ANAC diverse anomalie a carico del Servizio
Veterinario di area A (Sanità animale).

“Nell’ambito delle varie criticità della gestione dell’ASP di Crotone, sottoposte alla nostra attenzione da utenti e addetti ai lavori nei vari settori, abbiamo inteso iniziare a segnalare alle autorità competenti la situazione in cui versa il Servizio Veterinario” – affermano le parlamentari crotonesi del M5S Elisabetta Barbuto e Margherita Corrado.
Nella giornata di lunedì 9 luglio, infatti, le due portavoce hanno segnalato all’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) e per conoscenza al Direttore Generale dell’ASP di Crotone, dott. Sergio Arena, diverse e gravi anomalie da parte della Direzione aziendale nella gestione organizzativa del Servizio Veterinario di Sanità Animale.
Esse segnalano, in particolare, come dal 2012 al 2014, un medico veterinario dirigente sia stato nominato Direttore Facente Funzioni a capo dell’Area A (Sanità animale) pur avendo riportato a settembre 2012 una condanna penale per Falso Ideologico ed Interruzione di Pubblico Servizio.
Nonostante ciò, lo stesso nell’ aprile 2014 depositava all’Azienda Sanitaria Provinciale di Crotone una dichiarazione
sostitutiva di certificazione nella quale attestava falsamente di non incorrere in alcuna delle condizioni di
incompatibilità ed inconferibilità, nonostante la condanna subita.
Ennesima irregolarità ravvisata è che detto incarico gli è stato rinnovato per ben 4 volte, con palese
violazione della legge​, che prevede che lo stesso possa durare massimo sei mesi, prorogabili per ulteriori
sei in casi straordinari.
Dal 2014, pur in assenza di proroghe ufficiali, lo stesso medico veterinario è rimasto comunque a dirigere
l’Area A, fino ad oggi, nonostante un avviso interno bandito nel marzo 2015 dall’ASP di Crotone, a cui non è
seguita alcuna nomina, pur essendo state valutate le 4 domande pervenute.
Andata in prescrizione la condanna nel  2017, nel marzo scorso l’Azienda Sanitaria ha emanato un secondo bando interno per individuare un Direttore per ognuna delle  tre Aree dei Servizi Veterinari, che non vede ancora l’assegnazione di alcuna nomina pur essendo scaduto da più tre mesi.
All’attenzione dell’Anac le pentastellate portano anche l’enorme danno economico che le accertate inadempienze del Dirigente potrebbero arrecare all’ASP di Crotone, citata in giudizio per un risarcimento danni dell’ammontare di circa 1 milione di euro .
La questione, seppure un po’ datata, è stata recentemente (maggio 2018) attenzionata anche dalla Commissione Anti-’ndrangheta Regionale per il suo iter amministrativo per niente chiaro.
Le due parlamentari hanno richiesto, per tali elementi, alla suddetta Autorità di voler intervenire per verificare e sanare le violazioni alla legalità con grave danno economico e di immagine dell’Azienda, visto anche che gli atti prodotti in questi anni potrebbero essere considerati nulli con ulteriori ricadute anche di tipo erariale.
“Questa – concludono le due rappresentanti parlamentari – vuole essere la prima di una serie di iniziative intese a portare alla luce, nella Sanità pubblica, torbidi meccanismi radicatisi negli anni con la complicità di alcuni funzionari e dirigenti che per fini personalistici hanno minato l’interesse collettivo, con gravi ripercussioni su un servizio fondamentale come quello della  Tutela della salute pubblica.”

Le Parlamentari del M5S Elisabetta Barbuto e Margherita Corrado

105 visite 



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *