...


Conclusa la terza edizione del Premio “Gino Cantafora”, in memoria del grande subacqueo crotonese

Il Premio “Gino Cantafora” si è tenuto ieri, nella Sala Consiliare del Comune di Crotone

La Redazione

Crotone, mercoledì 19 settembre 2018.

Si è tenuto ieri, nella Sala Consiliare del Comune di Crotone, il Premio “Gino Cantafora”, in memoria del grande subacqueo crotonese.

Il premio viene conferito a quanti hanno contribuito negli anni e contribuiscono quotidianamente con il loro impegno alla promozione delle attività subacquee e la salvaguardia dei beni archeologici sommersi e dell’ambiente marino.

Premio dunque destinato alle eccellenze, ciascuna presente con la volontĂ  di comunicare il risultato del proprio impegno scientifico e professionale delle proprie attivitĂ .

In apertura della manifestazione Francesco Pesce, Assessore alla Pubblica Istruzione, ha rivolto il suo saluto ed ha ringraziato i partecipanti per la loro presenza: l’ideatore e promotore del Memorial Paolo Nereo Morelli, la famiglia Cantafora, nelle persone della moglie, Rita Fazia e dei figli, l’assessore Regionale alla Cultura Maria Francesca Corigliano, la Consigliera Regionale Flora Sculco, il prefetto di Crotone Cosima Di Stani, il comandante provinciale dei Carabinieri Alessandro Colella, il comandante della Compagnia della Guardia di Finanza di Crotone Michele Filomena.

Erano presenti, inoltre, numerosi Consiglieri Comunali e rappresentanti dell’Associazione Nazionale dei Carabinieri.

I premi, realizzati dal maestro orafo Michele Affidato sono stati assegnati al Maggiore Carmine Gesualdo, Comandante dei Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Cosenza, a Stefano Mariottini subacqueo emerito e Ispettore Onorario del MiBACT per la Tutela archeologica dei Beni subacquei della Calabria, celebre nel mondo per la scoperta dei Bronzi di Riace e a Gianfranco Chiofalo del Comando Provinciale Guardia di Finanza di Crotone.

Questa terza edizione, organizzata con il patrocinio dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Crotone, si è posta l’obiettivo didattico – formativo di sensibilizzare gli studenti alla cultura del mare fornendo loro gli elementi di base necessari per comprendere questa particolare branca dell’archeologia. Le esperienze dirette dei professionisti del settore ben si integrano nel sistema educativo di istruzione e di formazione scolastica per la valorizzazione del territorio.

“Occorre, necessariamente, il rilancio culturale della cittĂ  che ben si caratterizza con le così ricche e significative testimonianze archeologiche che noi custodiamo. Dobbiamo sentirci fieri di appartenere ad una terra che tanto ha dato alla civiltĂ  del mondo e per questo vorrei che tutti la visitassero, partecipi della millenaria storia che ci proietta verso il futuro” ha detto l’assessore alla Pubblica Istruzione Francesco Pesce nel suo intervento

Il Premio-Memorial “Gino Cantafora”, creato in memoria del grande subacqueo crotonese , nasce nel luglio del 2016 per volontà di Paolo Nereo Morelli e da lui inserito all’interno di un ampio programma di promozione del turismo archeologico itinerante e di dialogo interculturale, nel corso del suo Decreto di nomina del MiBACT 2015-2018 di Ispettore Onorario per la Tutela dei Beni Archeologici del Territorio di Crotone.

“A Luigi Cantafora va il grande merito di aver individuato la maggior parte dei siti archeologici sottomarini lungo la costa ionica crotonese. A lui si devono i rinvenimenti dei carichi dei relitti delle navi onerarie di epoca romana e le relative suppellettili di bordo, che hanno consentito, l’istallazione di una vasta sezione subacquea all’interno del Museo Archeologico di Capo Colonna. A tal proposito si coglie la giusta occasione per ricordare la proposta inoltrata al Direttore del Museo e Parco Archeologico di Capo Colonna nel 2016, dal suo promotore Paolo Nereo Morelli, contestualmente alla famiglia di Gino Cantafora, proposta di intitolazione della sezione subacquea, ragionata come atto dovuto, dedicata al grande subacqueo crotonese. Purtroppo a distanza di tre anni non si è avuto ancora nessun riscontro” ha detto ancora l’assessore Pesce che, in chiusura dei lavori, ha offerto alla Sig.ra Cantafora a ricordo della terza edizione del memoria dedicato al marito, una maglietta con la foto di Gino impressa nella parte frontale, con la suggestiva frase “un viaggiatore nel tempo”.

L’On. Flora Sculco ha rinnovato il suo incondizionato impegno per la valorizzazione del territorio a cui tanto tiene.

L’Assessore regionale alla Cultura, dr.ssa Maria Francesca Corigliano, ha ben apprezzato l’iniziativa e per l’organizzazione della stessa e per tutti i suoi validi contenuti, atti a testimoniare la validità e l’importanza del significativo patrimonio culturale che la città di Crotone detiene.

Il dr. Mariottini ha ricordato i suoi 40 anni di lavoro nella ricerca e nella valorizzazione dei beni archeologici con risultati eccellenti. La scoperta bei Bronzi di Riace, oramai famosissimi nel mondo. Il desiderio di ritornare presto a Crotone per vivere ancora una volta l’indicibile emozione che tale città offre a tutti i suoi visitatori.

L’intervento del Magg. Carmine Gesualdo, Comandante dei Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Cosenza è stato incentrato sull’importanza del patrimonio dei beni culturali della nostra Città e del vasto territorio.

50 visite 



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *