...


Crotone, l’Assessore Galdieri: è necessario che la biblioteca comunale rimanga nel centro storico

Individuata la nuova sede della Biblioteca Comunale: sarà trasferita nei locali dell’Istituto Principe di Piemonte

La Redazione

Crotone, mercoledì 21 novembre 2018.

L’assessore alla Cultura Valentina Galdieri dichiara: “è necessario che la biblioteca comunale rimanga nel centro storico, in uno dei luoghi simbolo della città di Crotone.

La città non può fare a meno di spazi comuni, di servizi essenziali per la crescita sociale e culturale e il riferimento in questo caso è alla biblioteca comunale”

Dal mese di aprile, da quando cioè si è resa necessaria, per la presenza del Tenorm, la chiusura del Castello di Caro V, il servizio della biblioteca comunale “ Armando Lucifero”ha dovuto subire un ridimensionamento.

La città è rimasta orfana non solo dalla principale attrattiva turistica, del simbolo stesso della città, ma anche di un servizio indispensabile alla comunità.

Lunghi mesi durante i quali l’assessore alla Cultura Valentina Galdieri ha lavorato per individuare una soluzione che consentisse la fruizione completa della biblioteca in tempi brevi e quindi il ripristino del servizio.

Il protrarsi della chiusura della struttura ha reso inoltre il patrimonio comunale, conservato all’interno del complesso monumentale vulnerabile, e gli ultimi, in ordine di tempo, atti vandalici nei confronti del patrimonio della biblioteca “Armando Lucifero” ne sono stati la conferma.

Si è reso necessario intervenire ed indispensabile farlo velocemente.

L’assessore Galdieri ha, dopo un’attenta ricognizione del patrimonio comunale, individuato nei locali dell’Istituto Principe di Piemonte attualmente in uso alla Soprintendenza, il luogo ideale per trasferire la biblioteca comunale “ Armando Lucifero”.

A differenza di chi voleva la delocalizzazione della biblioteca, portandola quindi lontano dal centro, questa amministrazione ritiene fondamentale che la stessa stia nel cuore del centro storico. Non solo per ripristinare il servizio bibliotecario nella sua totalità ma anche per rendere quel luogo, un centro di aggregazione culturale di grande importanza.

“Spostare la biblioteca nei locali del Principe di Piemonte è un modo per ridare dignità e visibilità ad un luogo storico della città di Crotone. Ospitare la biblioteca comunale in una delle strutture più antiche della città vuol dire riconsegnare ai crotonesi un edificio che ha un alto valore culturale, vuol dire riappropriarsi di un luogo fortemente identitario, vuol dire mettere a disposizione della cultura e di tutti i cittadini una delle zone più care ai crotonesi, vuol dire procedere con i fatti alla riqualificazione di una zona come il centro storico per troppo tempo bistrattata e abbandonata” aggiunge l’assessore Galdieri.

Si tratta di locali dati nel 2012 in concessione, comodato d’uso, alla Soprintendenza con un Protocollo d’intesa il cui obiettivo era quello di valorizzare le emergenze storiche ed archeologiche della città. In particolare i locali concessi alla Soprintendenza sono stati fino ad oggi utilizzati per lo svolgimento di funzioni amministrative.

“La chiusura del Castello Carlo V ha determinato nuove e non rinviabili esigenze da soddisfare: tutela del patrimonio bibliografico e riapertura della biblioteca.

È necessario e non più rinviabile trasferire il patrimonio bibliotecario in un altro luogo.

Spostare – ha spiegato l’assessore Galdieri – la biblioteca “Armando Lucifero” nei locali dell’Istituto Principe di Piemonte garantirà non solo la sicurezza e la tutela del patrimonio bibliografico dell’Ente, ma soprattutto restituirà ai cittadini un servizio di primaria importanza per l’accrescimento culturale, inoltre consentirà l’attuazione di progetti bibliotecari Regionali e Ministeriali in corso, primo tra tutti “ Bibliobus..un libro ovunque”.”

22 visite 



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *