La Sorical riduce l’entrata di acqua al Comune di Cirò, il sindaco Paletta scrive al Prefetto di Crotone

Si legge in una nota del sindaco che in proposito, nel mese di giugno 2018 veniva approvata da parte della Sorical una rateizzazione fino a tutto il I trimestre 2018 per €. 268.000 a cui il Comune ha dato seguito pagando la prima rata di €. 38.507,82 (I trimestre 2018) e successivamente altre due rate da €. 11.516,15 per un totale di €. 61.539,00. E che- prosegue il sindaco- siccome il comune si trova in anticipazione di cassa, che al netto degli stipendi si stanno esaminando le condizioni per saldare un’altra rata della rateizzazione, e che con il nuovo anno sarà saldato la parte della morosità pregressa. Alla luce di quanto sopra e del fatto che l’approssimarsi del periodo natalizio ci sarà il consueto aumento della popolazione, che il Comune è sede dell’Ufficio del Giudice di Pace con utenza quotidiana, che ci sono due Caserme, uno dei Forestali e l’altra dei Carabinieri, che le scuole hanno un utenza di circa 600 alunni di cui solo 350 presso il Liceo Scientifico “ I. Adorisio” che potrebbe pregiudicare le attività scolastiche. A ciò si aggiunga che il territorio del Comune è vasto e si estende l’approvvigionamento idrico fino alla località Cappella distante 5 km dal centro paese dove insistono circa 200 abitanti. Per tali motivi- conclude il primo cittadino nella nota diretta al Prefetto- e per le conseguenti ragioni di igiene e sanità pubblica e prima di emettere ordinanza contingibile per la tutela della salute dei cittadini e degli studenti presenti sul territorio Vi chiedo di intervenire nella vicenda per evitare i disagi sopra evidenziati. Si ricordi inoltre prosegue Paletta – che il Comune ha aderito nel mese di luglio 2018 con delibera di Consiglio Comunale n. 24 del 30.07.2018 al Consorzio Congesi per la gestione del servizio idrico integrato, con l’affidamento che avverrà la prossima settimana, e quindi nessun intervento di riduzione potrà essere effettuato alla fornitura di acqua potabile.