...


Sbarco a Torre Melissa: i Finanzieri salvano dalle acque gelide un bambino di pochi mesi e la madre

Anche i finanzieri della Sezione Operativa Navale di Crotone hanno partecipato alle operazioni connesse allo sbarco di migranti delle prime ore del 10 gennaio a Torre Melissa

Comunicato della Guardia di Finanza

Torre Melissa, giovedì 10 gennaio 2019.

I finanzieri salvano, durante le operazioni di assistenza a seguito di uno sbarco di migranti, un bambino di pochi mesi intrappolato con la madre nella barca incagliata a pochi metri dal lido del mare.

Anche i finanzieri della Sezione Operativa Navale di Crotone hanno partecipato alle operazioni connesse allo sbarco di migranti delle prime ore del 10 gennaio a Torre Melissa, coadiuvando l’efficace attività dei militari dell’Arma dei Carabinieri ivi intervenuti e l’altruistica assistenza prestata nell’immediatezza agli occupanti della barca a vela incagliatasi a pochi metri dalla spiaggia nella prima mattinata odierna, da alcuni cittadini della località.

I finanzieri intervenuti, udendo il pianto di un bambino proveniente dallo scafo rovesciato dell’imbarcazione, si sono spinti nella risacca marina, esacerbata dalle cattive condizioni meteorologiche e hanno tratto in salvo un bimbo di pochi mesi e la madre, imprigionati nella barca e non in grado di fuoriuscirvi senza aiuto esterno.

L’intervento dei due militari del Corpo ha senz’altro evitato rischi alla sopravvivenza del bambino, esposto all’inclemenza del tempo e alla bassa temperatura delle acque.

La donna e il piccolo, sono stati quindi accompagnati, assieme agli altri 49 sbarcati, per le operazioni di assistenza e identificazione, presso il Centro di accoglienza Sant’Anna (KR).

altri articoli:
– Sbarco a Torre Melissa, il Video dei due Scafisti in Albergo e della barca arenata sulla spiaggia
– Sbarco a Torre Melissa di 50 cittadini extracomunitari, arrestati i due presunti scafisti
– Sbarco di 51 migranti nella notte a Torre Melissa, un disperso

994 visite 



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *