...


Sbarco a Torre Melissa: ecco chi è Domenico Amoruso di Cirò Marina che ha fatto arrestare gli scafisti

Domenico ci racconta il suo intervento sull’arresto degli scafisti nell’Hotel, dove lavora come Portiere di notte a Torre Melissa e la sua storia del suo ritorno a Cirò Marina, ex soldato dell’Esercito

La Redazione

Cirò Marina, sabato 12 gennaio 2019.

Domenico Amoruso

Nella notte di giovedi 10 gennaio 2019, intorno alle 4.00, sono sbarcati a Torre Melissa in provincia di Crotone, cinquanta cittadini extracomunitari di sedicente nazionalità iraniana e curda, 41 uomini, cinque donne e quattro minori, a bordo di una imbarcazione a vela che si era incagliata e capovolta a pochi metri dalla riva, nei pressi dell’Hotel Miramare.

Il racconto di Domenico Amoruso. Due stranieri intorno alle 4.30, sono entrati nell’Hotel dove lavoro come portiere di notte, controllando i loro passaporti, un po’ bagnati e sporchi di sabbia, è risultato che appartenevano a due cittadini russi con ultimo visto in Turchia, e mi è venuto subito un dubbio. Intanto li ho accompagnati in camera e furtivamente li ho chiusi a chiave. Nel frattempo, sono entrati nell’Hotel i Carabinieri e personale della Guardia Costiera, chiedendo delle coperte che servivano a dei migranti appena sbarcati. Subito dopo, ho comunicato loro, che in Hotel alloggiavano due scafisti e che di sicuro erano quelli sbarcati nella notte. Prontamente i Carabinieri, hanno chiesto rinforzi e sono entrati in stanza arrestandoli.

  1. Sbarco a Torre Melissa, il Video dei due Scafisti in Albergo e della barca arenata sulla spiaggia (1)[1]


altri articoli:
– Sbarco a Torre Melissa: i Finanzieri salvano dalle acque gelide un bambino di pochi mesi e la madre
– Sbarco a Torre Melissa, il Video dei due Scafisti in Albergo e della barca arenata sulla spiaggia
– Sbarco a Torre Melissa di 50 cittadini extracomunitari, arrestati i due presunti scafisti
– Sbarco di 51 migranti nella notte a Torre Melissa, un disperso

La storia di Domenico e il suo ritono a Cirò Marina.
All’età di 19 anni, fresco di diploma, inviai la domanda di arruolamento nel’l’Esercito Italiano, come volontario, un po’ per patriottismo e un po’ per la voglia di avventura, non basterebbe scrivere per raccontare tutte le cose positive e negative che mi sono successe in quegli anni.
Sono stato in diverse città tra cui: Napoli, Roma, Trani, Messina e molte altre per motivi di servizio. Il primo anno di servizio lo passai per lo piu in addestramento, tra campi d’arma e addestramento con vari armamenti e mezzi, presso il 9^ Reggimento Fanteria Bari, dopo circa un anno, partecipai al concorso per il vfp4, ovvero volontario in ferma prefissata quadriennale.
Superai il concorso e con il grado di caporale mi trasferirono al 5^ reggimento fanterdomenico-amoruso1ia Aosta, dove dopo qualche mese, iniziai l’addestramento per una missione all’estero.
Per farla breve, nell’agosto del 2014, all’età di soli 22 anni, mi ritrovai in Afghanistan, la prima volta in vita mia che ho preso un aereo per andare a piu di 5.000 km da casa. L’Afganistan è uno dei paesi piu poveri del medioriente, dilaniato da piu di 30 anni di guerre. Fui inquadrato nella task force regional command west di istanza a Herat, con l’incarico di mitragliere ovvero l’uomo che sporge dalla botola dei mezzi. In breve, la nostra missione comprendeva il controllo e la sorveglianza del territorio e dell’aereoporto internazionale di Herat, tramite pattugliamenti perquisizioni e posti di blocco. Sono stati sei mesi lunghi e intensi, senza dimenticare la sofferenze per la distanza da casa dalla mia ragazza, dai miei cari genitori e dai miei amici, è stato come che per sei mesi, la mia vita si è bloccata, messa in pausa perdomenico-amoruso2 poi riprendere al momento del ritorno.
Uno dei tanti avvenimenti in cui sono stato coinvolto, è stata la storia del nostro interprete afghano, 27 anni, tre lauree e oltre alla sua lingua, ne parlava altre 4: italiano, spagnolo, tedesco e inglese. Ogni giorno, alle 5:30 del mattino, si presentava per prendere servizio ed era sempre allegro, era vestito con pantaloni e giacca, a volte ai piedi indossava i sandali. Un giorno, durante uno dei nostri servizi, accade un fatto molto singolare, diciamo cosi.. di piu non posso dire, allora chiamandolo per nome (che non posso dire), gli chiesi:
Ma tu conosci queste lingue, hai tre lauree, perche non te ne vai? perche non provi ad andare in domenico-amoruso-1europa o da qualche altra parte e lasci l’Afghanistan?
Lui rispose: caro Domenico, il mio sogno non è andarmene, il mio sogno e vedere la mia terra ricca e senza piu sofferenza, poi se me ne vado io, agli altri giovani come me, cosa resterà di questo paese oltre la sabbia?
Rimasi in silenzio non ho saputo dargli una risposta, e allora dopo qualche tempo, pensai alle sue parole e mi sono chiesto: ma io perche me ne sono andato dalla mia terra? perche ho abbandonato tutto? per fare cosa? e se tornassi nella mia terra e provassi a fare qualcosa?
Dopo circa un anno dal mio rientro dall’Afghanistan, mi congedai con il grado di caporal maggiore. Rientrai a Cirò Marina, all’età di 24 anni, decisi di aprire un negozio di prodotti per l’agricoltura zootecnica e alimenti per animali domestici. Ogni mattina mi sveglio e apro il domenico-amoruso-2mio negozio, sono felice di farlo, perchè anche se è una piccola attività, aggiunge un tassello in più alla mia cittadina, Cirò Marina. Mare stupendo, cibo squisito, immerso tra monti colline boschi e mare. Allora io mi chiedo, perche tanti giovani devono abbandonare questa terra? perchè non possiamo provare tutti insieme a dare un altra direzione a questo paese? Cambiare in meglio si può, basta mettersi un po di impegno, l’importante è provarci, non chiedere cosa possono fare le persone per noi, ma cosa possiamo fare noi per gli altri.

9318 visite 



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 Responses to Sbarco a Torre Melissa: ecco chi è Domenico Amoruso di Cirò Marina che ha fatto arrestare gli scafisti

  1. Flavio Francesco Falvo Rispondi

    14 Gennaio 2019 at 10:33

    Anche se a distanza di qualche giorno esprimo le mie felicitazioni e la mia personale soddisfazione per la bellissima pagina scritta dalla comunità di Torre Melissa. Non sarà stato certamente facile buttarsi fra le onde gelide di uno Jonio in tempesta ma il forte e radicato senso di umanità ha prevalso su tutto. Un plauso e un grazie di cuore a tutti gli intervenuti, pronti a salvare tante vite umane. Grazie a Gino, il nostro primo cittadino, grazie a Raffaele, grazie alle forze dell’ordine tutte, ai Vigili del Fuoco, ai volontari che si sono prodigati, e grazie a Domenico Amoruso, impavido nel segnalare la presenza in hotel dei trafficanti di esseri umani. Grazie a tutti

  2. Salvatore Rispondi

    13 Gennaio 2019 at 10:57

    Grande complimenti

  3. Teresa Rispondi

    12 Gennaio 2019 at 19:34

    Complimenti Domenico. Dovete essere proprio voi giovani e cambiare il vostro paese.l’unione fa la forza cosa che manca proprio nel nostro paese. È bellissimo sentire queste notizie essere x un giorno protagonista ed eroe .cambiate voi giovani il vostro paese ce la potete fare ..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *