...


Il Partito Democratico di Cotronei interviene sull’Incendio avvenuto a Villaggio Palumbo dove sono stati distrutti 5 negozi

La nota del Partito Democratico di Cotronei

La Redazione

Cotronei, mercoledì 06 Marzo 2019.
Stanotte a Villaggio Palumbo, nella Frazione di Trepido del comune di Cotronei si sono verificati dei gravi e violenti fatti di criminalitĂ  per mezzo delle quali sono state date alla fiamme le cupole del Viallaggio Palumbo che sin dagli anni settanta hanno rappresentato il simbolo del turismo montano non solo nella provincia di Crotone ma in tutta la Calabria.
Questa notte si  è consumato l’ennesimo atto criminoso ai danni del nostro territorio, le cupole di Villaggio Palumbo, che per molti anni sono state icona e simbolo del turismo montano di tutta la regione, vengono date alle fiamme da malviventi in grado di agire indisturbati.
Qualunque sia il disegno perverso che può esserci dietro, la cosa certa sono i danni, inestimabili, che sono stati perpetrati sia ai proprietari della struttura, a cui rivolgiamo la nostra solidarietà, sia a tutta la comunità che a Trepidò opera già in una condizione molto difficile.
Le conseguenze sono numerose ed ingenti e, probabilmente, possono dare il colpo di grazia all’economia ed alla vita di un dei più antichi ed importati centri per il turismo montano.
Questo è un attacco a tutta la società civile di questo paese che direttamente o indirettamente è legata alla storia ed alla vita di Trepidò e del Villaggio Palumbo.
Occorre una reazione forte, decisa e collettiva da parte di tutti, ognuno di noi si deve sentire colpito, ognuno di noi deve fare la sua parte per controvertite questo declino criminoso verso il quale sembriamo destinati.
Il Partito Democratico di Cotronei sarà in prima fila affinché nella frazione di Trepidò vengano ristabilite la sicurezza e la legalità.
A tal fine, ci associamo alla battaglia del Sindaco di Cotronei nel richiedere con determinazione un presidio delle forze dell’ordine fondamentale per combattere con fermezza l’escalation di criminalità alla quale stiamo assistendo impotenti.

173 visite 



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *