...


Scende la pioggia ma che fa? A Cariati la “goccia” ha fatto traboccare il vaso

La nota del Movimento Le Lampare BJC di Cariati

La Redazione

Cariati, lunedì 15 aprile 2019.

foto – Ignazio Russo

La Natura si ribella all’Uomo assente; anche se sul Paese la pioggia è modesta, le alluvioni hanno quasi sempre colpito la Zona Santa Maria di Cariati.
Se ancora ce ne fosse bisogno, certamente, dopo gli ultimi eventi, possiamo affermare quanto Cariati sia un Paese totalmente abbandonato, oramai in balia degli eventi.
La burrasca di due ore che ha colpito la zona Santa Maria, zona che è stata più volte soggetta a fenomeni alluvionali sfiorando già la tragedia nei mesi scorsi, non è stata interessata da alcun intervento a tutela dei cittadini da parte degli organi preposti.
Ancora una volta i residenti della zona costretti a subire gravi disagi con l’incubo perenne di essere travolti da fango, detriti e acqua, un flusso che scende dalle colline senza essere canalizzato e invadendo edifici, campagne e tutto ciò che trova nella sua discesa verso il mare a velocitĂ  impressionanti. L’entroterra montano, è stato negli anni spogliato e terrazzato, coltivato anche in luoghi impervi e pericolosi, opere di arginatura, rettificazione, imbrigliamento e parziale chiusura (fiumi tombati) che interessano pressochĂ© l’intero sistema fluviale della zona colpita.
Ecco perchĂ©, pur considerando l’eccezionalitĂ  dell’evento e la caduta di una immensa quantitĂ  di acqua in uno spazio ristretto e limitato, i torrenti si colmano e riempiono molto velocemente, trascinando a valle ogni cosa.
Nessun allarme, nessun avviso è invece pervenuto ai cittadini da parte della pubblica amministrazione come da prassi nei casi come questi di copiose piogge e con livelli di acqua nei torrenti ai limiti di guardia. Ne tanto meno si è provveduto a predisporre adeguati ed efficienti piani di protezione civile per fronteggiare un’emergenza che, visti peraltro i recenti e simili eventi nelle medesime zone, andava affrontata anzitutto attraverso una seria opera di prevenzione e reale messa in sicurezza del territorio.
Nulla di tutto ciò è stato fatto. La situazione che oggi vive la ComunitĂ  Cariatese è drammatica. In un scenario politico incerto che ha visto il sindaco e il responsabile dell’ufficio tecnico piu’ volte sospesi per vie dei noti procedimenti giudiziari.
E’ evidente, anche in questa circostanza, come lasciare un Paese senza guida alcuna, comporti evidenti rischi per la popolazione.
In casi come questo non sorprenderebbe se tutti gli alluvionati e non solo, tutti i cittadini, avviassero azioni giudiziarie finalizzate ad accertare le responsabilitĂ  dei singoli rispetto all’ennesimo disastro e chiedere di essere risarciti.
Per rendersi conto della gravitĂ  di quanto accaduto basta pensare all’alluvione che giĂ  un anno fa colpi la Zona di S. Maria; giĂ  in quell’occasione si sfiorò la tragedia ed emerse chiaramente il rischio per l’incolumitĂ  della nostra popolazione.
Questi sono i risultati della politica degli annunci e dei proclami vuoti, delle passerelle elettorali, degli interessi di bottega che nulla hanno a che vedere con il dovere che una amministrazione seria e competente ha di vigilare e operare sul tema della messa in sicurezza del territorio e, dunque, della tutela generale da garantire ai cittadini che quel territorio vivono.Questi sono i risultati della negligenza e del disinteresse totale verso le esigenze concrete e reali del territorio che, purtroppo, riscontriamo anche in questa amministrazione.
Il primo intervento preventivo, che potrebbe essere facilmente realizzato è il rimboschimento a monte, l’acqua piena di fango e detriti non sarebbe tale se non avesse eroso argini spogli del naturale manto vegetale. La vegetazione rallenta notevolmente l’erosione con conseguente riduzione del sedimento fangoso. Affidarsi a geologi e ingegneri specializzati in interventi di riqualificazione fluviale.
Il secondo intervento, meno facile da realizzare presuppone,anche, un concreto cambio di mentalitĂ , relativo alla attuale gestione del territori da non considerare solo come una fonte di guadagno e quindi di speculazione.
E’ IL CASO DI DIRE CHE LA GOCCIA QUESTA VOLTA HA FATTO TRABOCCARE IL VASO.
Il movimento LE LAMPARE, in questo drammatico momento, ribadisce la propria solidarietĂ  e vicinanza ai cittadini di Cariati per i disagi e la paura che stanno nuovamente vivendo.

729 visite 



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *