...


Ritornano le antiche tradizioni legati alla Pasqua, come i “Lavureddi”- vasi di semi di frumento e leguminose

I “ Lavureddi”- vasi di semi di frumento e leguminose da poco germogliate durante la quaresima al buio, perciò bianche, che ornano gli altari

LaRedazione

Cirò, lunedì 22 Aprile 2019.

Erano preparati dai contadini per ringraziare il Signore come buon auspicio per i raccolti futuri- una antica usanza che i giovani stanno riprendendo- ha detto il seminarista Franco Golino. Quest’ anno –prosegue il seminarista, i fedeli visiteranno insieme al parroco don Matteo Giacobbe, i vari sepolcri preparati nelle chiese di San Menna, e in quella della Madonna delle Grazie, visita che si prolungherĂ  poi presso le Sante Croci e presso il cimitero, dopo la tradizionale chiamata dalla Madonna. Una volta la tradizione era fatta di soli tre sepolcri ci confida Golino: nella chiesa di Santa Maria de Plateis, che rappresentava il calvario, nella chiesa di San Giovanni, che rappresentava l’ultima cena, ed infine presso la chiesa di San Menna che rappresentava il sepolcro, qui, dove il seminarista fin da bambino, ha portato avanti queste antiche tradizioni, imparando dalle anziane del centro storico, tradizioni e canti antichi religiosi. Fa piacere che oggi anche i giovani si avvicinano a queste antiche tradizioni, che attraverso queste iniziative, rafforzano quei legami col passato, altrimenti persi per sempre, come questa antica nenia in stretto dialetto cirotano, che oggi solo le piĂą anziane conoscono e cantano durante il venerdi santo, scritta per noi dal seminarista Golino: ““Lu venniru de marzu nu si canta, che è mortu GesĂą Cristu m”passiona, ha r” abbuscatu na botta de lanza ara parta sinista de lu coru. Curra Maria e mintiti lu mantu, ca li judei l’ hannu fattu u tradimentu, l’ hannu portatu a lu sibburcu santu, accumpagnatu de lu sacramentu. Donne vestitivi de niviru mantu, e tutt” appressu de mia venitivinni. C’avia nu figghiu di 33 anni ch’ era curuna de la testa mia. E mo lu viu mmanu ari tiranni, coru de sassi chi ficia Maria. MAmma nu mi sonari lu martolu , nemmenu mi cjancjri ar’avuta vucja. E veni mamma si mi vo vidiri , a muntu carvariu da mi trovi. E da mi trovi mamma tuttu chiagatu, e de li chiaghi mej tinn’ha scordatu. Cadinu malati i figghi de l” ati, cerchini i medicini e su sanati. Figghiuma quannu li to labbra circavinu, ocitu e felu t” è statu dunatu. Oh anciuliddi de lu cielu calati, chissu’ si vuci e granta arrimmurata? Dicinu che è mortu lu veru missia, lu figghju de Maria che è tantu amatu. Sona l’ aroggiu e Maria lu ntisi, chistu è l’ aroggiu del mio figlio amato. Aroggiu fammi tu la cumpagnia ca sugnu ppe li strati sula assulata”.

140 visite 



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *