...


L’ufficio del giudice di Pace deve ritornare in piazza Pugliese nella vecchia sede della Pretura

E’ stata questa la volontĂ  unanime del consiglio comunale

LaRedazione

Cirò, martedì 25 Giugno 2019.

Approvato anche  all’unanimità, la “delibera del cuore” recepita dalla Provincia  di Crotone a sostegno della richiesta presentata al Commissario straordinario alla sanità della Regione,  di dotare il reparto di cardiologia di Crotone, dell’ emodinamica che, per pazienti infartuati, costituisce un valido strumento, ha detto nella sua relazione il presidente del consiglio Mario Sculco. In passato  Pretura, Liceo, la banca e  altri uffici pubblici, erano tutti ubicati nel centro storico, alimentando l’economia del borgo  incentivando il ripopolamento”.  

Sede del Giudice di Pace zona Tafanè in periferia

Dunque il consiglio comunale di Cirò ha concluso l’iter per il rinnovo della convenzione, firmata circa cinque anni fa,  da parte della   commissione straordinaria di Cirò Marina e di Crucoli e  dal Comune di  Umbriatico, il nuovo accordo per la gestione in forma associata dell’Ufficio del giudice di Pace di Cirò. Ha riferito il primo cittadino Francesco Paletta:” Abbiamo approvato all’unanimità, lo schema della nuova convenzione che conferma la volontà dei Comune di Cirò, Cirò Marina, Crucoli e Umbriatico di mantenere sul territorio il  presidio di legalità”,  un  importante ufficio giudiziario al servizio del comprensorio cirotano, a tutto vantaggio sia dei numerosi operatori del settore che dei  cittadini”.  “Attendiamo ora  fiduciosi il parere da parte del Ministero della Giustizia – prosegue Paletta – per il rilascio del  parere del Tribunale di Crotone per il perfezionamento della procedura di rinnovo che si è resa necessaria a seguito della scadenza dei cinque anni della prima convenzione stipulata il 20 maggio 2014. Anche il consigliere Giuseppe Dell’Aquila, componente Pd in minoranza  si è impegnato in qualità di vicepresidente della Provincia, a portare sul tavolo dell’Ente provinciale la questione. Infine è stato approvato la rottamazione TER prevista ha detto Paletta- da una legge dello Stato che consentirà ai cittadini di poter aderire per debiti tributari dal 2000 al 2017 con un massimo di 10 rate e scadenza ultima rata il 30-09-2021 quindi con grande agio per eliminare pendenze senza pagare sanzioni e interessi.



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *