...


La senatrice Corrado chiede al Ministro Costa il Commissariamento della gestione rifiuti in Calabria

Ieri, 5 agosto, nel corso di un breve intervento nell’aula del Senato teso a deplorare la gravissima situazione delle discariche di Columbra, presso Papanice, e di Santa Marina di Scandale, ho chiesto il COMMISSARIAMENTO della gestione dei rifiuti in Calabria. L’incapacità degli amministratori regionali di governare fenomeni complessi come questo, che incide significativamente sulla salute […]

La Redazione

Crotone, martedì 06 Agosto 2019.

Ieri, 5 agosto, nel corso di un breve intervento nell’aula del Senato teso a deplorare la gravissima situazione delle discariche di Columbra, presso Papanice, e di Santa Marina di Scandale, ho chiesto il COMMISSARIAMENTO della gestione dei rifiuti in Calabria. L’incapacità degli amministratori regionali di governare fenomeni complessi come questo, che incide significativamente sulla salute e la qualità di vita dei calabresi, è infatti quanto mai palese nel territorio che fa capo a Crotone. Sede di un SIN tra i più vasti del Paese e riconosciuto già saturo di impianti per il trattamento e lo stoccaggio di rifiuti di ogni sorta nel PEAR 2005, ha continuato a riceverne, purtroppo, in questi anni. Ora, contro la volontà e l’interesse dei cittadini, la Regione vorrebbe concentrarvi i residui di tutti gli ATO calabresi, abbancandoli nella discarica privata di Columbra, già esaurita, fino a farla svettare a 150 metri. Nello stesso tempo, briga per accantonare i residui della differenziata e relativa produzione di biogas a Santa Marina, partendo da un’autorizzazione annullata dal Presidente della Repubblica nel 2012. Eppure quel territorio è punteggiato di aziende agricole e zootecniche, è stato spesso percorso dal fuoco ed è attraversato da un elettrodotto di grande portata, tutti dati che la verifica effettuata dal Dipartimento Ambiente della Regione nel 2015-2017 ignora o sottace. Il mandato che i calabresi hanno affidato agli attuali amministratori regionali è stato tradito mille e mille volte, a Crotone in particolare. L’arroganza che li contraddistingue non è scemata neppure con l’approssimarsi della conclusione della legislatura, dunque la gestione dei rifiuti dev’essere loro sottratta al più presto, nell’interesse superiore di tutti gli abitanti di questa regione.

101 visite 



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *