...


L’Aeroporto di Crotone uno scalo “stagionale”, il progetto del gestore Sacal con il benestare di Enac

E’ quanto afferma nella nota il Comitato Cittadino Aeroporto Crotone

La Redazione

Crotone, martedì 10 Settembre 2019.

Non siamo turisti ma semplici cittadini.
Il gestore unico aeroportuale Sacal continua, con il benestare di Enac, a concretizzare il suo folle progetto di rendere l’Aeroporto crotonese uno scalo “stagionale”.

Il 26 ottobre, come se tutto fosse normale e rientrasse in questi assurdi piani, uno dei tre voli di linea attualmente operativi cesserà impedendo a tanti concittadini crotonesi residenti in Germania di poter ritornare.
È stata promessa la ripresa di questo volo dal prossimo aprile ma ad oggi i voli non risultano acquistabili.
Purtroppo, abbiamo già vissuto situazioni simili: il volo Crotone-Pisa pur viaggiando sempre pieno è stato cancellato il 31 agosto 2018.

Nasce in noi la paura, quindi, che le promesse non vengano mantenute soprattutto in considerazione del fatto che Sacal continua a non render pubblico nessun piano di investimenti ed il suo impegno economico per il “Pitagora”.

Il gestore unico continua a dimostrare di aver solo un fine: mantenere aperto l’Aeroporto di Crotone con i soldi pubblici.

La Sacal ha questo comportamento solo e soltanto perché Enac è accondiscendente e, quindi, complice di questa gestione volta a far diventare lo scalo pitagorico un vero e proprio spreco di soldi a fronte di un’offerta volativa veramente inconsistente.

Infatti, dopo aver siglato l’accordo con la Regione Calabria e la Sacal, i comuni costieri hanno rinunciato al 15% delle royalties Eni che dovrebbero corrispondere a circa 1 milione di euro all’anno per i prossimi 3 anni.

Quindi, significherà che avere il contentino di 3/4 voli di linea neppure quotidiani si spenderanno nei prossimi 3 anni oltre 17.000.000 milioni di euro (3 milioni dalle Royalties, 9 milioni di oneri di servizio, oltre 3 milioni di euro accantonati in passato e non utilizzati, oltre 2 milioni di euro per la recinzione dell’aeroporto).

Riteniamo tutto ciò scandaloso e siamo certi che le azioni adottate non siano la soluzione ideale per far uscire lo scalo crotonese dallo stato di precarietà nel quale Sacal, ENAC, Regione Calabria e Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti lo relegano nonostante sia stato inserito tra gli aeroporti di interesse nazionale.

Fra tre anni a causa della miopia politica e dello sciacallaggio di Sacal, sarà conclamato che l’aeroporto di Crotone non ha la capacità di poter volare da solo e che lo stesso ha necessità di continui finanziamenti.

Con questo spirito il 26 ottobre ci ritroveremo in aeroporto per salutare con un flash mob l’ultimo volo per Norimberga, invitiamo tutti a partecipare, perché insieme possiamo vincere questa battaglia per i nostri diritti e per il futuro di questo territorio.

Noi non rimarremo in silenzio, non rimarremo indifferenti, noi saremo sempre vigili sul nostro scalo perché rappresenta l’unica infrastruttura del territorio crotonese che ci collega al resto d’Italia e d’Europa!

Vogliamo esser liberi di partire, liberi di tornare.



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 Responses to L’Aeroporto di Crotone uno scalo “stagionale”, il progetto del gestore Sacal con il benestare di Enac

  1. Maria Rispondi

    11 Settembre 2019 at 09:40

    Che vergogna! Sembriamo nel terzo mondo, treni non ne parliamo, aerei col contagocce quando li fanno volare! La parte tirrenica della Calabria è avanti anni luce, perché la jonica no?

  2. Antonio Rispondi

    10 Settembre 2019 at 18:34

    Ancora una volta viene confermata l’incompetenza l’ignoranza l’imbecillità della politica Crotonese Regionale, e per la proprietà transitiva del popolo che li ha votati. AVANTI COSI COMPLIMENTI

Rispondi a Antonio Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *