...


I sindaci del crotonese ed il presidente ff della Provincia chiedono l’apertura “Centro Covid-19” presso l’Ospedale Germaneto di Catanzaro

Richiesta inviata dai sindaci del territorio e dal Presidente Dell’Aquila alla Governatrice Santelli ed al dipartimento regionale alla sanitĂ 

La Redazione

Crotone, mercoledì 25 Marzo 2020.

I Sindaci della Provincia di Crotone ed il Presidente F.F. della Provincia,
nel valutare l’evoluzione della diffusione della epidemia da coronavirus nella nostra regione e valutando che gli ospedali Pugliese Ciaccio di CZ, l’Annunziata di CS, del Riuniti di RC e del San Giovanni di Dio di KR hanno messo in campo ogni sforzo per reperire posti letto e personale da dedicare alla cura dei pazienti affetti da coronavirus e che con grande difficoltà potranno garantire cure ad altri pazienti.
Chiedono, che l’ospedale Universitario di Germaneto venga impegnato al meglio delle sue potenzialità per la cura dei pazienti affetti da coronavirus.
Questo è determinato dal fatto che gli ospedali non universitari, avendo un Pronto Soccorso, devono garantire comunque l’assistenza a pazienti con patologie acute sia mediche che chirurgiche. Ciò rende difficile non solo il reperimento di altri spazi e posti letto, ma anche un carico di lavoro difficilmente sopportabile per medici anestesisti che, oltre a garantire assistenza a pazienti con gravi difficoltà respiratorie positivi a coronavirus, devono prestare servizio nel proprio reparto di rianimazione e nelle sale operatorie.
L’ospedale Universitario di Germaneto, non avendo un Pronto Soccorso può modulare e programmare a piacimento le attività dei reparti chirurgici ed internistici.
Questo renderebbe possibile l’utilizzo di spazi per incrementare i posti letto secondo le necessità, considerando anche la possibilità di avere in servizio un numero di medici specialisti, considerando anche gli specializzandi, che gli altri ospedali non hanno.
Tale soluzione, per gli abitanti della Provincia di Crotone, risulta vitale e di garanzia qualora la situazione dovesse precipitare.
Oggi abbiamo tutto il tempo necessario per prevenire e di conseguenza organizzarci al meglio tutelando al meglio i territori.

image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *