...


Home » Archives by category » Angolo della Poesia (Page 7)

U’cia facimi cchju’

U’cia facimi cchju’

U tenimi cchjù, mancu na lira, si senta stu ritornellu tutt’ i jurni, ma ‘nta l’Europa simi tutt’ inzem’ e l’euro e’ ra moneta nazionale, E qunn’ è juta avant’…

‘I cardidd

‘I cardidd

La poesia, ammesso che questa lo sia, non sempre è facile da trasmettere. Questo solo a volte dipende dalla poca o nulla sintonia tra l’offerente e il ricevente. Nel confondersi…

I tanti me

I tanti me

I tanti me che formano il me solo sono il risultato degli anni che ho vissuto. C’è il me bambino che, con gli occhi pieni di luce, si incanta davanti…

Na crucivjia e nu pajsu

Na crucivjia e nu pajsu

‘Mmenz’a ‘nnu vicu, cc’è ‘nnu tavolinu e subba nu mazz’e cart’ e quattr’ seggi vicini. Sta matina, passannici maj fermatì’ e a ru tavulu,mi sugni assettata. ‘Nzem’e ‘mmjia nati tre…

A ruva muta

A ruva muta

la ’ruva’ è la mia di sempre, la stazione.

Le donne dei vicoli antichi

Le donne dei vicoli antichi

Dal profondo della memoria riaffiorano, come ombre, le donne dei vicoli antichi Sedute su incerti sgabelli, scorrono tra le mani sottili fili di seta. Ricamano e parlano, raccontano e lavorano…

Na mamma e nu doluru rannu

Na mamma e nu doluru rannu

Tutti i matini fa ra stessa strata, ‘nti mani nu mazzett’ e juri janchi, ìnta faccia cce scolpitu nu doluru e l’occhj sunu duj carvuni spent’. Camina ccu nnu passu…

A seggiulìdda ‘e patrima

A seggiulìdda ‘e patrima

A vì, subba l’anta da porta a seggiulìdda ca s’ašcpettàva a tìa e s’è trovata mmec ‘na frugata ‘e ventu ara šchina nu tremulìzz ‘e rina ca si riminìja ‘nta…

L’amicu fintu e ru malu vicinu

L’amicu fintu e ru malu vicinu

L’ amicu fintu e ru malu vicinu. Stu proverbiu vecchju assaj è ancora validu a ru tempu nostu. Pumi marci suni diventati tutti quant’, stani ccu ri fucili puntati menz’a…

U candidatu a ri votazioni

U candidatu a ri votazioni

Vani giranni casa ppe casa, partann’i carticeddi cu ri fot’, ripetini ca sim’ amici e vecchja data e simi grann’a gente bon’e coru. Quant’ cumpriment’e quant’ abbrazz’, cavimi ppe ra…