M5s,applausi sì ma da morti viventi