Estorsione all’interno di un autolavaggio, tre arresti a Reggio Calabria

autolavaggioAl termine di articolate indagini coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria e condotte dai Carabinieri della Compagnia di Reggio Calabria, il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale reggino ha emesso un’ordinanza di applicazione di custodia cautelare nei confronti di Daoud Hamid, 43enne marocchino, titolare autolavaggio a Gallico; Marciano’ Domenico, 31enne reggino, imprenditore; Cartisano Carmelo Natale, 32enne reggino, imprenditore per i reati di estorsione continuata aggravata in concorso commessa avvalendosi della metodologia mafiosa.

I tre sono accusati – il primo in qualità di mandante ed i restanti due quali esecutori materiali – di aver rivolto, in diverse occasione nell’anno 2013, minacce sul luogo di lavoro ad un dipendente del Daoud, nonché violenze consistite nell’avergli sferrato due schiaffi al volto facendolo rovinare a terra, costringendolo a rinunziare a pretendere dal suo datore di lavoro la consegna del CUD per l’anno 2012 e dell’ultima busta paga, nonché il versamento dei contributi previdenziali da costui omesso. Il provvedimento restrittivo è stato eseguito nella trascorsa notte dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile e della Stazione di Gallico i quali, al termine delle formalità di rito, hanno sottoposto i prevenuti agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni a disposizione dell’Autorità Giudiziaria reggina.