Quanto contano i test? Ecco perché la Ferrari può sorridere