Milan, l’arroganza è cosa da Juve