Lancio di palloncini a Crotone per dire no al cancro infantile

lancio pallonciniDomenica 15 Febbraio 2015 alle ore 11.00 il club Inner Wheel Crotone sarà, congiuntamente ad alcune classi delle scuole medie inferiori del capoluogo crotonese, in piazza municipio a Crotone a promuovere una iniziativa ludica in occasione della “giornata mondiale contro il cancro infantile”. In occasione di questo evento i bambini presenti si impegneranno in una maratona simbolica di solidarietà ed infine faranno volare in cielo dei palloncini bianchi in segno di speranza. Obiettivo e’ catalizzare l’attenzione dell’opinione pubblica, delle Istituzioni, delle Famiglie, dei Pediatri, sulla basilare importanza di una precoce e tempestiva diagnosi. “Ogni anno in Italia sono circa 2000 i bambini e i ragazzi sotto i 16 anni che si ammalano di un tumore pediatrico e questa patologia è la prima causa di morte per malattia in questa fascia di età – è quanto dichiara la Dottoressa Anna Maria Sulla, Pediatra e socia del club Inner Wheel Crotone. A fronte di questi dati,- continua la Dott.ssa Sulla- dobbiamo ribadire, per fortuna, che attualmente il 70 per cento dei bambini affetti da tumore guarisce”.

“Per migliorare questi risultati, buoni, ma non soddisfacenti, è importante conoscere a fondo la biologia dei tumori infantili e avere a disposizione nuovi farmaci. Le famiglie devono sapere che su dieci bambini ,sette possono guarire dal tumore. Questa percentuale si innalza fino al 90 per cento nei casi di Linfomi e Leucemie. Ma noi dobbiamo combattere affinché anche quel 70 per cento raggiunga livelli più alti di guarigione”. “In questo anno Sociale, il Club Inner Wheel Crotone, sempre attivo negli anni verso svariate problematiche locali ed internazionali, ha voluto concentrare la propria attenzione verso questa tematica – dichiara Agnese Tedesco Agostinacchio, presidente Inner Wheel Crotone. Abbiamo iniziato sin dal mese di novembre con l’organizzazione di una commedia messa in scena dalla compagnia teatrale Krimisa, commedia che ci ha permesso di raccogliere fondi per la concretizzazione del nostro progetto che vede la creazione di un fondo cassa per aiutare le famiglie con bambini malati oncologici costretti a curarsi in altre città, famiglie impossibilitate ad affrontare le spese necessarie”.