...


I ‘mostaccioli’ calabresi compiono 500 anni

Cinque secoli di vita e son sempre giovani e presenti nei piccoli borghi e nelle importanti fiere internazionali

Mimmo Stirparo

soriano calabro, domenica 12 Luglio 2015.

mostaccioliIncredibile ma vero! Hanno sulle spalle ben 5 secoli di vita e di storia ma non ne sentono il peso. Cinquecento anni ma son sempre giovani e rinnovano il loro look continuamente secondo le esigenze del loro cliente: con o senza zucchero, colorati o tradizionali, al gusto cinquecentesco o ai tanti gusti per soddisfare anche i giovani. Insomma sono nati nel 1515 e ancora appaiono belli pimpanti negli stands delle grandi fiere anche internazionali o nelle bancarelle delle feste patronali del Sud Italia. Nel 1969 sono stati esposti alla “Mostra-mercato dell’artigianato internazionale” di Pittsburg (USA) e nel 1987 al “Museo nazionale delle Arti e delle tradizioni popolari” di Roma. Qui hanno fatto la loro bella figura per la rassegna de “La cultura della bambola”: insomma accanto alle bambole di stoffa dagli occhi azzurri e dai capelli turchini giunte da ogni regione d’Italia, anche le nostre “pape”, “dame”, “pacchiane” e pure il tradizionale cuore decorato di stagnola policroma con la scritta “amor” che gli “ziti”, i fidanzati, si scambiano in occasione delle feste patronali. Più recentemente, esposti anche a Marsiglia nel Musèe National des Civilisation de l’Europe et de la Mediterranèe. Sono presenti anche all’Expo Milano 2015. Cosa volete di più?!

Soriano CalabroI grandi festeggiati secolari sono i mostaccioli di Soriano Calabro, detti “mastazzola”, in origine prodotti anche con mosto cotto, da cui prendono il nome (mustaceum, mustacea, antica focaccia preparata con farina, mosto cotto e anice, condita con grasso cacio e cotta su foglie di lauro), sono dei gustosi biscotti prodotti oggi esclusivamente con farina, miele e tanti aromatici ingredienti, secondo una ricetta che, da secoli, i Sorianesi si tramandano da padre in figlio. Il filologo G. Rohlfs, nel suo “Dizionario dialettale delle tre Calabrie”, definisce i “mostaccioli sorianesi” “specie di dolci di farina impastata con miele o mosto cotto”; mentre, per lo scrittore G.B. Marzano, sono “dolci caserecci fatti con farina, miele cotto, conditi con droghe, di forma romboidale, a pupattoli, panierini e simili.”(Dizionario etimologico del dialetto calabrese). Anche se Soriano è considerata la vera patria di questi tipici dolci calabresi, che da febbraio a settembre sono presenti in tutte le sagre e le feste, per la verità non è l’unico paese produttore. Ma i nostri si distinguono dal tipo di lavorazione, come spesso mi raccontava mio padre sorianese. Qui ogni singolo “pezzo” è lavorato a mano su lunghe tavole di noce, sulle quali i giovani lavoranti, dopo aver manipolato a dovere la farina, il miele e le essenze aromatiche, modellano, con la pasta ottenuta, gli oggetti più strani e bizzarri. Nascono così, oggi un po’ di meno per via della modernità e della sovrabbondanza di altri dolci provenienti dal nord, nascono così, dicevo, cavallucci, agnellini lanuti, torelli bizzosi, grandi cuori con la scritta “ti amo” o “amor” e tanti altri “scherzi” (come in gergo vengono chiamate queste composizioni), in cui elementi decorativi ed un ricercato gusto del particolare, danno vita ad antiche forme, cristallizzate dalla tradizione.

La loro origine probabilmente viene da molto lontano nel tempo. Secondo una testimonianza di Teocrito nel XV idillio detto delle “siracusane”, che indica i mostaccioli come “ex voto” da offrire alle divinità per grazia ricevuta, quelli di Soriano risalirebbero addirittura a tre secoli prima di Cristo. Comunque sia la loro data di nascita è accreditata al 1515, anno di fondazione del Convento di San Domenico e della venuta dei Domenicani a Soriano, i quali hanno introdotto la lavorazione dei mostaccioli che, a loro volta, probabilmente avevano appreso dai monaci certosini della vicina Serra San Bruno. Quest’ultimi hanno lasciato ai Serresi la tradizione di un biscotto similare, gli “’nzulli”, la cui lavorazione non è molto differente, è solo l’esito diverso: il dolce è molto duro sotto i denti rispetto ai mostaccioli. Orbene, col patrocinio della Regione Calabria, l’Amministrazione comunale di Soriano in collaborazione con l’Associazione culturale “Sorianoè” organizza una grande festa per i “mostaccioli”, per il loro 5° centenario di vita. Così, tutta per loro una due giorni, 29 e 30 luglio prossimi, ricca di musica, spettacoli, convegni, mostre e degustazione. Il programma prevede per il primo giorno. Convegno su “Il mostacciolo di Soriano. Storia, cultura e tradizione”; mostra fotografica, esposizione e degustazione con la dimostrazione dell’arte manifatturiera dei maestri artigiani dei Soriano. Per la seconda serata: ancora mostra, esposizione e degustazione e consegna del “Premio alla carriera” ai Maestri artigiani. A seguire Concerto degli Arangara e dell’Onda anomala di Mimmo Crudo. Lunga vita ancora amati mostaccioli!

image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

una Risposta a I ‘mostaccioli’ calabresi compiono 500 anni

  1. francesco Rispondi

    14 Luglio 2015 at 16:50

    Mi permetto di correggere alcuni punti sul quanto detto sopra: l’organizzazione dell’evento del 500° anniversario del Mostacciolo di Soriano è SOLO dell’Associazione Culturale Soriano è… con il patrocinio della Regione Calabria e del Comune di Soriano Calabro. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *