...


Volley femminile, la Fidelis inaugura il nuovo anno con un’altra vittoria esterna

Per le ragazze di coach Scaldurra ora la testa della classifica è solo a due punti

Nunzio Esposito

POLISTENA, martedì 14 Gennaio 2020.

UPIM DEA VOLLEY POLISTENA – FIDELIS VOLLEY TORRETTA

1-3

(25-22 / 20-25 /
25-27 / 10-25)

UPIM DEA POLISTENA: Cassalia
(cap), Moro, Bellamace, D’Elia V., Cherepova, Salvatore, Costabile M.,
Costabile S., Torcasio, D’Elia E. (libero 1), Cosentino (libero 2); alle.: 1°
Massimo Salvago, 2° Andrea Neri.

FIDELIS TORRETTA: Malena (cap),
Sposato, Sergi, Chiesa, Murru, Conti, Varcasia, Galuppi (libero); all.: 1° Luca
Scandurra, 2° Antonio Stara.

Arbitri: Mazza Antonio e Donato
Raffaele

Sempre più nelle vesti della più bella rivelazione del campionato di serie B2, girone L, la Fidelis conquista la nona vittoria stagionale, aprendo nel migliore dei modi il nuovo anno, sul parquet del bellissimo Palasport di Polistena, un rettangolo di gioco che mai in passato aveva sorriso alla formazione dei presidenti Capalbo e Scigliano. Il successo di sabato sera, quindi, consegna punti e certezze (se mai ce ne fosse stato bisogno) ad un Torretta che consolida la terza posizione in classifica a quota 28, a due sole distanze dall’accoppiata di testa, Akademia S.Anna Messina e Reghion Reggio Calabria.

Le quali, dopo 11 giornate, si ritrovano ora appaiate, oltre che piĂą vicine alle inseguitrici giallorosse, per il contemporaneo successo delle siciliane (3-2 sul campo del Terrasini di Palermo e la prima sconfitta delle reggine in casa della Hub Ambiente di Catania.

A Polistena Scandurra ritrova
Roberta Chiesa ma deve fare a meno di Prokopenko influenzata: il primo set
mostra una Volley Torretta contratta ed incapace di dare ritmo alla propria
azione mentre la Dea mantiene un buon ordine in campo, le locali trovano le
giuste giocate per aggiudicarsi la prima frazione.

Nel secondo set le giallorosse
ritrovano i soliti meccanismi, il confronto è interessante, un derby vero in
cui la tecnica e la tenuta nervosa contano enormemente, grazie anche alla
straordinaria prova di Cristina Murru che estrae dal suo “cilindro” di
inventive giocate memorabili sia in attacco che in difesa.

Nel terzo set cresce il livello
del match e mentre nella fase finale Malena e compagne vanificano due set-point
delle avvesarie, le loro compagne Sergi e Cherepova consegnano i “palloni
caldi” a Murru e Moro: proprio la giovane atleta sarda riesce a sigillare la
conquista di un set avvincente che rende onore ad entrambe le squadre.

Il punteggio del quarto set è decisivo
e mentre le locali calano l’intensità che ne aveva sostenuto il gioco, le
giallorosse spingono sull’acceleratore e conquistano tre punti su un campo
difficile.

“Finalmente sono tornata –
commenta a fine gara Chiesa – e non vedevo l’ora di ricominciare a giocare, i
tre punti mi rendono ancora piĂą felice e carica per il prosieguo della
stagione.”

Ed ora, occhi puntati sul primo
match casalingo del 2020 per la Fidelis, che davanti al proprio caloroso
pubblico, sabato sera ospiterĂ  al Palapicasso la Terrasini Palermo.  

image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *