...


“Mangio bene… Vivo a lungo” una giornata dedicata all’educazione alimentare del Rotary Club di Cirò e di Strongoli

Un tema che ancora una volta, ha messo al centro dell’attenzione del mondo scolastico e della società civile l’importanza dell’educazione alimentare

Oscare Grisolia

Cirò Marina, lunedì 10 Febbraio 2020.

“Mangio bene….Vivo a lungo”, è stato il tema al centro del convegno promosso dal Rotary Club di Cirò e di Strongoli, presieduti rispettivamente da Giuseppina De Novara e Luigi Domenico Arcuri. Una giornata dedicata all’educazione alimentare. Un tema che ancora una volta, ha messo al centro dell’attenzione del mondo scolastico e della societĂ  civile l’importanza dell’educazione alimentare al fine di prevenire malattie, non con la presunzione di risolvere i tanti problemi connessi che possono avere molteplici cause, ma lo scopo di trasmettere dei concetti semplici per contribuire a creare una migliore educazione alimentare e conseguente “stile di vita”. Il convegno ha inteso suggerire e sponsorizzare corretti stili di vita per contrastare il crescente fenomeno dell’obesitĂ , attraverso un’alimentazione variata e bilanciata, tipica della dieta mediterranea, senza trascurare l’importanza del movimento fisico e motorio, in mancanza del quale nessuna dieta può scongiurare l’aumento di peso e le patologie correlate. Non poteva avere migliore auditorio, il convegno svoltosi a Palazzo Porti, che quello giovanile, del mondo della scuola. E proprio al mondo della Scuola, al quale Istituto sembra essere tutto delegato in campo educativo e formativo, che i relatori si sono rivolti, spiegando con analisi attente ed esemplificative le conseguenze di cattivi stili di vita, come ha detto nell’introduzione Giuseppina De Novara, facendo espresso riferimento al consumo di droghe, di sigarette, di alcol e della poca attivitĂ  fisica e motoria. In effetti, come dagli interventi è emerso, “il ruolo della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria rappresenta un contesto formativo privilegiato per ragazzi e famiglie, poichĂ© può veicolare corretti stili di vita e buone abitudini alimentari”. In Calabria infatti, come le statistiche rilevano, c’è un’alta percentuale di obesitĂ  infantile, come ha sapientemente spiegato la nutrizionista Rita Citro, e che nonostante la forte disoccupazione delle donne ci si pone la domanda come mai a fronte di meno risorse economiche si mangia lo stesso molto. Forse, come si è cercato di rispondere, è causato da una cattivo uso della cucina e quindi cattiva alimentazione, dovuta forse all’utilizzo di prodotti poco sicuri e sani. Poca attenzione alimentare illustrata dal responsabile del Servizio di diabetologia dell’Asp di Crotone, Salvatore Pacenza, che ha messo in relazione i problemi diabetici con una corretta alimentazione. Una interessante relazione è stata sviluppata anche dalla dirigente della cattedra di pediatria dell’UniversitĂ  degli studi di Catanzaro, Laura Giancotti, che ha squarciato il velo sul problema moderno che sempre piĂą investe il mondo infantile, la celiachia, spiegandone l’anamnesi scientifica, le cure, sfatando le fase notizie in merito alla sua contaminazione e sui corretti comportamenti alimentari e igienici preventivo. Un convegno, parte integrante della programmazione Rotariana, giĂ  affrontato negli anni precedenti e sul quale argomento si continua ad investire in termini di conoscenza per favorire un sempre maggiore e corretto comportamento di vita, sia alimentare che fisico. Da qui la necessitĂ  dell’intervento educativo scolastico che su tali problematiche deve investire in cultura e conoscenza. Infine gli interventi di Rocco De Rito e Giuseppe Bitonti, rotariani assistenti del Governatore che si sono compiaciuti , sottolineando l’importanza e la valenza del convegno stesso. Il convegno è stato moderato da Giuseppe Siciliani, ordinario dell’UniversitĂ  degli studi di Ferrara.

image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *