...


Aeroporto di Crotone: chiude il reparto dei Vigili del Fuoco dello scalo pitagorico

Comitato Cittadino Aeroporto Crotone: Dov’è la nostra parlamentare, membro della commissione trasporti, Elisabetta Maria Barbuto?

La Redazione

Crotone, martedì 26 Maggio 2020.

Vergognosa e paradossale la gestione dello scalo
pitagorico da parte della societĂ  lametina guidata del dott. De Felice. Abbiamo
appreso, in queste ore, che i locali utilizzati dal reparto dei vigili del
fuoco sono stati chiusi presso lo scalo pitagorico per carenze
igienico-sanitarie!!!

Pensavamo di aver viste tutte le mirabolanti imprese
della Sacal ed invece al peggio non c’è mai fine!!!

Increduli ancora che l’Enac ed il MIT abbiano dato
l’aeroporto di Crotone in gestione per 30 anni ad una società come la Sacal che
non solo non vuole gestirlo e rilanciarlo ma non è interessata neppure a
garantire il livello minimo di igiene necessario per far svolgere il servizio
importantissimo dei vigili del fuoco!!!

Come possono le compagnie aeree valutare lo scalo
pitagorico se il gestore unico aeroportuale calabrese non investe nulla e
adotta con la complicitĂ  degli enti controllori simili comportamenti?

I vigili tornano, quindi, alla sede principale a
Crotone anche se la loro presenza è obbligatoria per far decollare e atterrare
gli aerei!

Dove sono Enac e Zaccheo che dovrebbero vigilare sul
nostro scalo e solo un mese fa avevano pronunciato parole favorevoli?

Dov’è la nostra parlamentare, membro della
commissione trasporti, Elisabetta Maria Barbuto?

Come avevamo previsto al ritorno della normalitĂ  gli
eroi che, in piena pandemia, urlavano contro la Sacal sono spariti!!!

Basta! Basta! Basta! Non prendeteci ancora in giro!

Se non volete gestire il nostro aeroporto basta
dirlo!!! Ci state isolando abbandonando al degrado  l’unica infrastruttura del nostro territorio!

SIAMO CITTADINI ITALIANI ED EUROPEI! Vogliamo esser liberi di partire e di volare!

E’ quanto afferma il Comitato Cittadino Aeroporto Crotone.

image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *