...


La maturità ai tempi del Coronavirus all’IIS di Cariati

A comunicarlo è la referente per la comunicazione, prof.ssa Concetta Cosentino

La Redazione

Cariati, mercoledì 27 Maggio 2020.

La tanto attesa e, per alcuni, temuta maturitĂ  si
avvicina sempre più per gli studenti del quinto anno dell’IIS CARIATI, diretto
dalla prof.ssa Sara Giulia Aiello. Una maturitĂ  senza dubbio unica nel suo
genere, data la situazione di emergenza causata dal Covid-19 che ha travolto e
stravolto tutto, soprattutto il mondo della scuola che, fin dal 9 marzo, ha
visto  edifici chiusi e adozione di
didattica a distanza. Data la straordinarietĂ  della situazione tutti ne parlano
ovunque, sui social, sui canali istituzionali, in televisione; ognuno dice la
sua: gente comune e specialisti del settore e questo gran parlare, fa altro che
andare ad accrescere sempre piĂą le incertezze e le paure dei tanti giovani che poi
devono fare i conti  con ansia  e preoccupazione, generata da questo clima di
instabilitĂ .

“Solo di recente è stata emanata una circolare
ministeriale che ha chiarito alcuni dei tanti dubbi che hanno assillato i
ragazzi in questi lunghi mesi – ha dichiarato il DS Aiello – solo di recente,
infatti,  si è avuto conferma di come
sarĂ  strutturato questo esame di Stato: sono stati annullati gli scritti – ha spiegato
la dirigente – per dare spazio soltanto al colloquio orale che si farĂ  in
presenza con una commissione interna formata da sei docenti e
un presidente esterno”.

Di certo questo esame di Stato resterĂ  a lungo nella
mente dei ragazzi che sicuramente non avevano questa idea di maturitĂ  quando, 5
anni fa, si sono iscritti alla scuola superiore.

E in questa situazione di
smarrimento, gli studenti si trovano in balia di sensazioni e pensieri
ambivalenti. C’è chi rimane fiducioso e pensa che si tratterà di una prova più
semplice come sostengono alcuni, per i quali “forsesarà un esame più tranquillo e più semplice, un
vantaggio soprattutto per chi non ha studiato con costanza”
 e
altri invece, i più studiosi che, rimpiangendo l’esame di stato canonico con
gli scritti e la commissione esterna, “avrebbero voluto mettere alla prova le
loro competenze acquisite  in 5 anni
di  duri sacrifici”. Tanti e diversi
dunque gli umori degli studenti dell’IIS CARIATI, tutti comunque concordi a vivere
questa esperienza nel migliore dei modi, soprattutto non ipotecando quanto conquistato
nell’arco dei cinque anni.   “ Di certo  spero finisca presto – sostiene un allievo del
Liceo Patrizi di Cariati – anche se so giĂ  che mi mancheranno gli anni passati
nella mia scuola, dove sono  cresciuto e
maturato”. Gli fanno eco alcuni studenti dell’ITI Mazzone e dell’ Alberghiero che
apprezzano e condividono la decisione ministeriale di tenere gli esami in
presenza: “in questo modo – dicono – 
riusciremo a provare l’emozione che  gli altri hanno provato gli anni precedenti”. Dello
stesso parere dei compagni cariatesi sono gli studenti dell’ ITE di Mirto, per
i quali di certo sarà “un’esperienza unica che non dimenticheranno mai”.

Si, perché come giustamente ha sottolineato
il DS Aiello ,  “la
maturità è uno di quei momenti che rimangono indelebili nei ricordi di ognuno
di noi; rappresenta un traguardo importante”. “ Chi di noi non ricorda gli
ultimi giorni di scuola, la notte prima degli esami, passata con i compagni di
classe a condividere la paura e le ipotesi sulle prove scritte!”-  ha rimarcato la Dirigente dell’ IIS CARIATI.  
nonostante quest’anno
,  i maturandi 2020 si trovino di
fronte a uno scenario che nessuno ha mai provato,  la DS è certa che “per tutti sarĂ  rispettata
la meritocrazia e ognuno avrà ciò che merita e che ha meritato nel corso della
propria carriera scolastica”. A garanzia di tutto ciò, ci saranno gli  insegnanti che hanno guidato e accompagnato i
ragazzi in questi anni, oltre ad averli sostenuti e incoraggiati in questo difficile
periodo di didattica a distanza.

Tanta incertezza comunque regna ancora nel mondo
della scuola; tante le ipotesi sui possibili scenari per il prossimo anno: si
inizierĂ  in presenza, si continuerĂ  a distanza, si attuerĂ  una didattica
mista.  Tante le possibilitĂ  che si
rincorrono sui media: di certo i docenti dell’IIS CARIATI saranno pronti ad
affrontare qualsiasi soluzione individuata dal MIUR.

image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *