...


Sequestrati materiali di pulitura di collettori idraulici in localitĂ  Suvereto di Isola Capo Rizzuto

Gli inquirenti hanno scoperto irregolaritĂ  nel gestione dei materiali scavati

Comunicato dei Carabinieri Forestali

Isola Capo Rizzuto, martedì 09 Giugno 2020.

I Carabinieri
forestali, nei giorni scorsi, hanno eseguito il sequestro del materiale
derivante dalla pulitura di canali nella localitĂ  Suvereto di Isola Capo
Rizzuto. Il materiale sarebbe stato trattato violando la normativa sulle terre
da scavo. Sono in corso accertamenti per stabilire eventuali ulteriori
responsabilitĂ .

I militari stavano seguendo con discrezione da mesi
l’attività di pulizia di un collettore di smaltimento delle acque. Le terre
derivanti dallo scavo, infatti, sono considerati rifiuti a meno che, sotto
determinate condizioni, non siano reimpiegati come sottoprodotti da destinare a
ripristini, riempimenti e operazioni similari.

Le terre di risulta stimate pari a circa 700 m3,
secondo gli inquirenti, erano semplicemente abbancate in diversi siti di
proprietĂ  pubblica o privata. Non era stata operata la selezione e il materiale
si presentava miscelato a plastiche, cartoni vetro e altro. Secondo quanto è
emerso dagli accertamenti finora condotti non è stato presentato presso
l’Ufficio tecnico comunale un progetto per il riempimento del sito di
destinazione, malgrado esistesse un piano di utilizzo, peraltro scaduto. I
documenti di trasporto, necessari per la tracciabilitĂ  del materiale, inoltre,
presentavano incongruenze.

Due persone sono state deferite alla Procura della
Repubblica, dai militari della stazione CC Forestale Crotone, per smaltimento
illecito di rifiuti speciali non pericolosi in violazione del decreto
legislativo 152/2006 recante norme in materia ambientale. Il materiale
risultante è stato posto sotto sequestro in seguito a disposizione
dell’Autorità giudiziaria.

L’intervento dei militari ha consentito di bloccare una
condotta illecita con ripercussioni negative per l’ambiente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *