...


Serie BKT trentunesima giornata il Crotone (1-1) contro l’Ascoli non interrompe la mini striscia negativa dei pareggi e il Cittadella lo affianca al secondo posto

Continua il lock down nei confronti dei tifosi che possono andare ovunque ma non assistere ad una partita. Benevento promosso in A

Giuseppe Livadoti

CROTONE, martedì 30 Giugno 2020.

Ascoli        1

Crotone     1

Marcatori:
Barberis 60°, Trotta 77°

Ascoli
(3-4-1-2): Leali, Valentini (Troiano), Ranieri, Ferigra, Scamacca, Ninkovic
(Trotta), Sernicola, Padoin (Costa Pinto), Andreoni, Brlek (Petrucci), Morosini
(Eramo). All. Dionigi

Crotone
(3-5-2): Cordaz, Curado, Cuomo, Mustacchio (Evans), Benali, Barberis, Crociata
(Crociata), Molina, Messias, Armenteros (Simy).  All. Stroppa

Arbitro:
Simone Sozza di Seregno

Assistenti:
Scatragli – Saccenti

Quarto
giudice a bordo campo: Giacomo Camplone di Pescara

Ammoniti:
Dionigi, Curado, Crociata, Ferigra, Ranieri, Troiano, allontanato dalla
panchina il dg Raffaele Vrenna

Angoli:
6 a 5 per il Crotone

Recupero:
3 e 4 minuti

 â€œL’eventuale perdita della seconda posizione non sarebbe un dramma – aveva dichiarato mister Stroppa alla vigilia dell’incontro – ”, contro l’Ascoli la previsione non si è avverata grazie alla sconfitta interna dello Spezia contro il Pisa. Un buon stratega le inventa tutte per non dare alcun vantaggio all’avversario ma le novità a proposito della formazione non hanno sortito l’effetto sperato.

L’undici
iniziale ha riguardato il ritorno di Barberis a centrocampo al posto di
Zanellato, Curado difensore per Golemic, Mustacchio esterno destro in sostituzione
di Gerbo, Crociata in campo per fare riposare Simy.

Marchigiani
senza il difensore Gravillon e il centrocampista Cavion, entrambi squalificati
ai quali si è aggiunto Brosco, ed al loro posto Valentini, Frerigra, Padoin.

Calcio
d’avvio da parte dell’Ascoli ma è il Crotone 
ad avere la meglio a centrocampo nelle giocate in velocità ed in
profondità dove il duo d’attacco Armenteros, Messias senza fissa dimora spaziavano
a tutto campo allargando spazi per l’inserimento di Crociata e Molina. Il buon
avvio del Crotone si vede già al quinto minuto con Armenteros che si rende
pericoloso in area avversaria. L’occasione per passare in vantaggio il Crotone
se la procura al minuto ventotto quando da fuori area Messias manda il pallone
a colpire il palo alla destra di Leali che lo respinge nella ribattuta. Buon
centrocampo  pitagorico con il trio
Benali, Barberis, Crociata. Mustacchio esterno destro, Molina esterno sinistro,
ottimi rifinitori e trascinatori del pallone. Nessun problema per Cordaz è mai
arrivato nel primo tempo dagli attaccanti avversari. Morosini, Sernicola e
Padoin sempre ben controllati dalla difesa ospite.

Trotta
per Ninkovic ad inizio ripresa ed Eramo subito dopo, due sostituzioni per
cercare di potenziare la fase offensiva da parte dell’Ascoli. Stroppa
preferisce togliere l’attaccante Armenteros per fare posto a Simy e dentro
anche Evans per Mustacchio. Crotone in vantaggio al sessantesimo minuto con
Barberis (primo gol stagionale) che mette dentro il pallone direttamente da
calcio piazzato. È sempre il Crotone a cercare il raddoppio e potrebbe avvenire
 al minuto settantadue se Simy non avesse
steccato il pallone da dentro l’area. Gol sbagliato, gol subito e così è stato
dopo pochi minuti. Dalla sinistra, l’ex Trotta riceve un perfetto assist in
area di rigore che indisturbato mette dentro il pallone del pareggio. Tutto da
rifare per il Crotone nei minuti finali. Fuori il centrocampista Crociata,
dentro l’attaccante Lopez nel tentativo di trovare il gol vincente ma senza
trovarlo. Anche il terzo incontro dalla ripresa del campionato finisce in
parità.   

Un
finale di campionato anomalo da evadere in piena estate quando il vero
protagonista in campo è la canicola. Un evento mai verificatosi nelle
precedenti stagione calcistiche che sta sottoponendo i giocatori ad un vero
tour de forge. Stadi vuoti senza la partecipazione del pubblico e quindi
annullato il fattore campo. In queste condizioni non ha senso affermare chi
gioca in casa o in trasferta. Il Crotone ha già pagato dazio al clima estivo
con prestazioni appena sufficienti, il doppio pareggio nelle due precedenti
sfide è la dimostrazione, e stasera contro l’Ascoli la temperatura ancora più
estiva.

L’altra
anomalia è rappresentata dalla continuazione del lock down nei confronti degli appassioni
del calcio, questi possono andare ovunque ma non assistere ad un incontro.

Della
partecipazione dei tifosi allo stadio nessuno ancora ne parla, le partite si stanno
giocando per soddisfare le esigenze delle emittente televisive che detengono i
diritti (Sky, Dazn in primis). Venerdì prossimo ci sarà la tanto attesa sfida all’Ezio
Scida tra Crotone vs Benevento, già promosso in serie A, che l’intera tifoseria
stava aspettando da tanto tempo ma, purtroppo, non lo vedrà dalle gradinate
dello stadio.

image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *