...


Beccati dalla Finanza 126 falsi poveri per ottenere buoni spesa

AttivitĂ  di servizio condotta dalla Tenenza della Guardia di Finanza di Tropea in relazione ai “Buoni Spesa” elargiti dal Comune

Comunicato della Guardia di Finanza

, mercoledì 08 Luglio 2020.

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Vibo Valentia, nell’ambito delleattività di polizia economico – finanziaria di contrasto delle condotte illegali e fraudolentenonché dei fenomeni illeciti correlati con l’emergenza sanitaria, economica e sociale in atto, hanno avviato specifici controlli nei confronti di soggetti percettori dei cosiddetti “buonispesa”, erogati dai Comuni alle famiglie in difficoltà, destinati all’acquisto di generi alimentarie di prima necessità.Con ordinanza n. 658 del 29 marzo 2020 del Capo del Dipartimento della Protezione Civileveniva disposto che il Ministero dell’Interno, entro il 31 marzo 2020, avrebbe effettuato, in viadi anticipazione, il pagamento di un importo pari ad euro 400.000.000 in favore di Comuni,Regioni e Province autonome, tra i quali il Comune di Tropea, al quale venivano assegnatesomme per 55.568 euro, interamente erogate.I controlli d’iniziativa, avviati in seguito ad una preliminare analisi di rischio dei dati acquisitipresso il citato Comune, hanno riguardato le 225 istanze presentate e sono stati eseguitimediante il riscontro delle informazioni dichiarate in sede di autocertificazione da parte deirichiedenti, relative sia ai medesimi che a ciascun componente del nucleo familiare.I controlli, svolti dalle fiamme gialle della Tenenza di Tropea, hanno permesso di accertareche la metà dei nuclei familiari richiedenti avevano presentato false autocertificazioni,dichiarando fraudolentemente di non avere fonti di sostentamento finanziario e di trovarsi incondizioni di difficoltà economica ovvero di indigenza, tali da non consentire nemmeno ilminimale approvvigionamento di generi alimentari e di prima necessità.In realtà, dall’attività ispettiva svolta è emerso che uno o più componenti dei nuclei familiaricontrollati, nel periodo di riferimento, a seconda dei casi, avevano:- disponibilità liquide anche rilevanti sui conti correnti;- ricevuto lo stipendio, anche per cospicui importi, a fronte di rapporti d’impiego regolari;- percepito il Reddito di Cittadinanza, indennità di disoccupazione o altre prestazioni socialiagevolate, come risultante dalle informazioni fornite dall’I.N.P.S., con il quale il Corpointrattiene rapporti di collaborazione.

image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *