...


Bianchetto, Regione in campo per favorire la pesca sostenibile

Individuato l’organismo scientifico per le attività di sperimentazione. L’Assessore Gallo: “Tutelare un segmento economico importante per i pescatori calabresi”

La Redazione

Catanzaro, giovedì 09 Luglio 2020.

Progettare la raccolta di dati
scientifici relativi alle specie ittiche “sardina” (pilchardus) e
“sardinella” (aurita), note ai più come “bianchetto”, per poi definire
una proposta di piano di gestione e di indicazione delle modalità di
selezione delle imbarcazioni impegnate nella pesca sperimentale.
È lo scopo della gara pubblica svolta sul Mepa – Mercato elettronico
della pubblica amministrazione – dal Dipartimento Agricoltura e Risorse
Agroalimentari, attraverso il Settore 5 “Fitosanitario, Vivaismo,
Micologia, Patrimonio ittico”, chiusa col decreto di aggiudicazione
definitivo – in fase di pubblicazione – dell’organismo scientifico che
dovrà occuparsi di espletare le necessarie attività volte alla
sperimentazione della pesca delle specie “sardina” e “sardinella”.
“L’obiettivo principale del piano di gestione – afferma l’Assessore
regionale all’Agricoltura, Caccia e Pesca, Gianluca Gallo – sarà
l’individuazione di un insieme di misure destinate a garantire nel tempo
la sostenibilità biologica, economica e sociale della pesca del
bianchetto, in quanto essa, sebbene marginale nel contesto italiano,
risulta rilevante per i pescatori calabresi e costituisce parte
significativa della storia e della cultura di numerose comunità locali
di pescatori”.
Il piano di gestione, nello specifico, farà riferimento alla raccolta di
dati scientifici della pesca sperimentale delle due specie ittiche in
questione, effettuata con sciabica da natante e rete a circuizione senza
chiusura, in deroga alla distanza minima dalla costa e della dimensione
minima della maglia della rete e della taglia minima.
“L’eventuale accoglimento delle richieste di deroga presentate dal
Governo – precisa l’Assessore – darà luogo ad un sistema di gestione in
cui la sostenibilità biologica delle risorse sarà attentamente
monitorata”. Precisa Gallo: “Saranno previste misure di intervento
appropriate, nel caso in cui non sia garantito uno stock di biomassa al
di sopra dei limiti biologici di sicurezza. Il piano di gestione,
infine, sarà in linea con l’obiettivo della Commissione Europea e della
Regione, che intende difendere e valorizzare la pesca artigianale, la
tradizione, la pesca selettiva e la valorizzazione dei prodotti tipici
locali”.

image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *